Il 2015 di Cambiomerci, +344% di fatturato e nuovi dipendenti

Quattordici dipendenti in più a tempo indeterminato nei prossimi tre anni a fronte di un investimento di 618 mila euro

Quattordici dipendenti in più a tempo indeterminato nei prossimi tre anni a fronte di un investimento di 618 mila euro.

È il risultato, l’ultimo in ordine temporale, ottenuto dal circuito di moneta complementare aziendale dalla startup Cambiomerci.com, il cui progetto imprenditoriale è stato premiato e finanziato dall’ultimo bando Smart & Start di Invitalia e si appresta quindi ad entrare nel vivo della fase di realizzazione già nelle prossime ore.

Francesca Scarpetta-cambiomerci

Nel dettaglio, l’azienda impiegherà centomila euro per l’implementazione della piattaforma tecnologica, già in fase di ultimazione, ed ulteriori 518 mila euro per i dipendenti che afferiranno alle aree trader e commerciale.
Di questi ultimi, i primi tre saranno effettivi già entro la fine del 2015, oltre i 5 già operativi attualmente, mentre nel 2016 si uniranno alla famiglia di Cambiomerci.com altri sei membri. Gli ultimi cinque saranno infine contrattualizzati entro tre anni.

Un forte segnale di crescita per l’azienda guidata da Francesca Scarpetta, che non a caso del resto ha già conosciuto un incremento dei fatturati e transazioni del 344% nell’ultimo anno con aumento del valore di commissione sul transato del 27%, riuscendo inoltre a portare il numero di aziende associate da 550 a 770 ovvero ben 220 in più.
Segno evidente che, a soli quattro anni dal lancio dell’iniziativa imprenditoriale, il sistema di moneta complementare promosso da Cambiomerci.com e mutuato da quello già in uso da tempo negli USA e Svizzera sta conquistando una fascia sempre più ampia di mercato grazie anche alle sue dimostrazioni di affidabilità dei pagamenti, tempestività delle transazioni e verifica a monte dei partner garantiti dallo stesso circuito.

Banche minacciate da OTT e cashless society: come sopravvivere

Transazioni senza intermediario e servizi digital dei big del tech. Quanti rischi per gli istituti di credito tradizionali. Ecco le possibili contromisure per riuscire a stare al passo

Da Iron Ox la prima fattoria autonoma

Una produzione alimentare sostenibile in grado fornire varietà annuali, coerenti, prive di limiti di stagionalità e fluttuazioni dei prezzi. Un processo guidato dalla robotica per garantire una fornitura stabile di cibo fresco e nutriente. Iron Ox reinventa l’agricoltura