Lancia una startup in Romania e raccoglie 5M al volo. Storia di Stefano Bargagni

Un’app per creare e condividere video istantanei. Che cambiano in base alle emozioni di chi li guarda. Si chiama Cinny l’idea di Stefano Bargagni

Un’app rivoluzionaria per creare e condividere video istantanei. Che cambiano in base alle emozioni di chi li guarda. Si chiama Cynny l’idea di Stefano Bargagni, già fondatore di CHL, tra i primi siti di e-commerce, otto mesi prima di Amazon. In un anno ha raccolto quasi cinque milioni di euro di finanziamenti. La raccontiamo attraverso la voce del protagonista.

Tutto è nato come servizio di cloud storage

L’idea di Cynny nasce in Romania: è lì che vive Stefano, imprenditore seriale nel campo IT: «Mi occupavo di compravendita immobili ed era difficile gestire i tanti dati degli italiani che compravano in Romania. Allora ho realizzato un modello per archiviarli in modo più agevole, più economico e sostenibile rispetto a quelli sul mercato» racconta Stefano a Startupitalia!. La tecnologia che sviluppa insieme a un team di collaboratori (oggi sono quaranta tra ingegneri e programmatori) si chiama CYOne: «Sostituiamo ai server tradizionali, tanti micro server, più piccoli di un telefonino (3,5 x 8,6 cm). Questo crea un’infrastruttura che permette di archiviare grandi quantità di dati a un costo 7-10 volte minore rispetto ai concorrenti e con un consumo di 2 watt per ogni server».

cinny

Stefano Bargagni, Ceo di Cynny

 

Dall’archiviazione alla creazione di instant video

Oltre ai dati, Stefano e il suo team si rendono conto che CyOne può prestarsi a diversi usi: come l’erogazione di file verso i client in modo più veloce: «Abbiamo pensato ai video. Il sistema permette di crearli con uno sforzo e un numero di operazioni pari a quelli che servono oggi per condividere post o foto sui social network». Come? L’utente archivia dati nel cloud storage (immagini, clip audio, testi…). E può utilizzarli per creare video che vengono trasformati nel browser dello spettatore. Questo riduce la quantità di dati necessaria per la trasmissione (da 5 a 20 volte) e i tempi di attesa per visualizzarli.

Video che cambiano in base all’emozione di chi li guarda

La vera rivoluzione sarà in un sistema, oggi in fase di sviluppo, che consentirà di adattare il video in base allo spettatore (fisionomia, genere, età, interessi…): «Funziona così. L’app chiede l’autorizzazione all’utente e attraverso la telecamera del dispositivo analizza le espressioni facciali di chi guarda. In questo modo lo spettatore è al centro della fruizione, è lui il vero regista. E uno stesso video non sarà mai lo stesso, diverso rispetto alle caratteristiche di chi lo guarda».

Modello di business ancora da definire

Oggi il team è impegnato nello sviluppo del sistema (che andrà sul mercato il prossimo anno) e sulla raccolta di capitali. Ancora non c’è un modello di business definito, anche se i campi di applicazioni sono vasti: «Pensiamo al marketing con l’opportunità di creare pubblicità che corrispondono agli interessi dei singoli utenti. Per esempio, a me piacciono le auto sportive e mi appariranno solo contenuti di quel tipo. O nel campo educativo: Cynny riconosce se uno studente ha capito o meno un concetto e può rispiegarlo. Ma ci sono altri utilizzi come sistemi che rilevano se un guidatore sta per addormentarsi, mentre è alla guida…».

cynny 2

4,9 milioni di euro raccolti in due anni

Per finanziare Cynny Stefano ha percorso diverse strade: due campagne di crowdfunding (su StarsUp e Investi-Re, con 170mila euro raccolti). E altre fonti di finanziamento (Intermonte Milano, una società di investimenti svizzera, Planven): «Ho iniziato io mettendoci quasi 1 milione di euro, poi ho cercato fondi tra istituzioni, portali di equity crowdfunding, familiari e conoscenti. Oggi abbiamo raccolto una cifra di 4,9 milioni di euro».

Agli startupper: «Non fermatevi alle difficoltà»

«La differenza tra un imprenditore e un non imprenditore è che il primo non si arrende, non dorme la notte se ha un problema, si arrabbia se sbaglia e poi è pronto a ripartire. Io tutte le volte che ho insistito ce l’ho fatta» consiglia Stefano che prima di Cinny ha guidato diversi progetti industriali internazionali per conto della Frael Computer. Oltre al CHL, tra i primi ecommerce al mondo, portato in Borsa nel 2000, ha fondato e diretto anche due startup negli Stati Uniti (la Pride Inc. e Activei Inc). Lo ha fatto insieme a Renato Iwersen e Simone Pratesi, manager che lo accompagnano anche in quest’avventura.

Giancarlo Donadio
@giancarlodonad1

Ti potrebbe interessare anche

500 mila euro dall'ESA per le tecnologie spaziali

Tempo fino all’8 settembre per partecipare al bando ESA Bic Lazio. In palio massimo 50 mila euro a progetto e due anni di incubazione a Roma

Challenge Up! Ecco le 12 startup che parteciperanno al programma

Le startup che completeranno il programma saranno idonee per un potenziale co-investimento da parte di Intel, Cisco e Deutsche Telekom

Fazland raccoglie un milione di euro da RedSeed e Zernike Meta Ventures

Le risorse verranno investite da Fazland per diventare il player di riferimento nel mercato italiano e continuare l’espansione in Europa

L’ex numero due di Apple investe in una startup italiana. E ne sarà il presidente

Marco Landi è stato top manager di Apple. Oggi si dedica alla crescita delle startup come con il suo fondo Atlantis Ventures. E lunedì ha deciso di investire in The Box Company, startup pugliese. Ecco come è andata

Piccole, numerose e specializzate nel gaming: il ritratto delle scaleup finlandesi

Secondo il rapporto di Mind The Bridge e Startup Europe Partnership il 18% delle realtà imprenditoriali del Paese nordico è attivo nei videogiochi. Notevole anche l’interesse estero sulla tecnologia prodotta, con 48 acquisizioni negli ultimi 6 anni

Con Alfonsino ordini il cibo sulla chat di Facebook

La startup di Caserta ha sviluppato una piattaforma che ha l’obiettivo di raccogliere ordini per i prodotti dai migliori ristoranti cittadini. Grazie solo a due chiacchiere su Facebook Messenger