InVision

Proiezioni, immagini e suoni interattivi avvolgono e coinvolgono i partecipanti fino a farli diventare artisti e opere d’arte.

I luoghi d’arte, quelli in cui è possibile esprimere ogni forma di creatività, spesso si trasformano in habitat fortemente interattivi, pensati per visitatori desiderosi di vivere attivamente l’esperienza artistica, e diventare coprotagonisti di un sistema sensibile alle intenzioni e alle preferenze di chi lo attraversa. A tal fine InVision si propone come un ambiente sensibile, in cui i sensori e le interfacce naturali, come lo sguardo e i gesti ad esempio, trasformano gli utenti in attori principali in grado di creare e arricchire i contenuti, senza l’aiuto di dispositivi esterni. Proiezioni, immagini e suoni interattivi avvolgono e coinvolgono i partecipanti, fino a farli diventare artisti e opere d’arte. Visitatori che vivono attivamente l’esperienza artistica, trasformandosi in coprotagonisti di un sistema che diventa sensibile alle intenzioni e alle preferenze di quanti lo attraversano.

Davide Maria Calandra e Antonio Caso, entrambi Software Engineer, assieme a Linda Sorrentino Architect, Designer, propongono la loro startup sul mercato dello spazio virtuale, dopo un processo di vero e proprio riassemblaggio dell’idea originaria, grazie ai suggerimenti e al lavoro dei tutor incontrati al Creative Clusters di Sviluppo Campania: “Prima di partecipare al Creative Clusters dell Regione Campania, eravamo idee un po’ confuse – commenta Davide Maria Calandra – ma i nostri tutor sono stati molto bravi a smontare in modo critico e costruttivo il nostro progetto originario. Così abbiamo fatto chiarezza e siamo ripartiti: questo è stato il valore aggiunto del Creative Clusters”.

Ma no solo: il percorso formativo è stato utile anche per capire come porsi efficacemente sul mercato: “Prima di tutto abbiamo capito e ci siamo convinti che per la nostra idea esiste un bacino potenziale di mercato e abbiamo capito come approcciarci nel modo giusto – sostiene Antonio Caso -. La cassetta degli attrezzi che ci è stata fornita è stata preziosissima per imparare a presentare e comunicare nel modo giusto il nostro progetto. Abbiamo iniziato a ragionare in termini di vision e di mission, cosa che prima non avevamo mai fatto. Siamo fiduciosi, e anche se il percorso formativo si è concluso, saremo seguiti dai tutor che credono in noi, seguendo un approccio molto più interdisciplinare rispetto a quello immaginato inizialmente”.

Quali saranno i prossimi passi di InVision? “Da domani incominceremo a costruire contenuti per raccontare la nostra idea a potenziali investitori e clienti – spiega Linda Sorrentino -. Attualmente disponiamo solo di un prototipo e lavoreremo per completare il lavoro. Siamo sulla buona strada”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp