Paesà

La piattaforma digitale dedicata al turismo artigiano, che connette viaggiatori desiderosi di imparare attività tradizionali e residenti con conoscenze da insegnare

In una regione come la Campania che vede nel “terzo settore” una risorsa determinante della propria economia, Paesà si propone come piattaforma digitale dedicata al turismo artigiano, con la finalità di connettere viaggiatori desiderosi di imparare attività artigianali, tradizionali e residenti con le giuste conoscenze da insegnare. Una soluzione di e-commerce dove trovare workshop e corsi pratici per condividere esperienze: dal laboratorio per fare dolci tradizionali, alla simulazione di scavo archeologico, dalla raccolta delle olive fino ad arrivare alla preparazione di conserve di pomodori; Paesa’ è il posto giusto dove cercarla ispirandosi ad un concept molto chiaro: “non ci sono estranei, ma solo amici che non hai ancora incontrato”.

Un’esperienza certamente suggestiva, un modo nuovo e totalmente diverso di viaggiare passando dal “consumare” al “fare”. L’utente può scegliere il workshop da seguire nelle categorie Food, Rural, Artisan, Histori, Kids, poi sceglie tutor, data e lingua e infine prenota online il corso in pochi semplici click. A quel punto non resta che preparare le valigie e partire, considerando che i workshop sono calendarizzati in base alle disponibilità di chi offre i servizi e alla stagionalità tipica delle attività.

“La nostra idea si ispira al concetto di sharing economy basata sulle competenze umane, all’insegna del saper fare qualcosa volendo condividerla – commenta Francesco Domenico D’Auria, fondatore di Paesà assieme ad Annapaola Di Paolo, Vincenzo Puzone e Pier Paolo Di Lorenzo -. La partecipazione al Creative Clusters di Sviluppo Campania è stata molto importante perché ci ha consentito di misurare la fattibilità concreta del nostro progetto e le nostre aspettative. La durata dei corsi è stata purtroppo breve sebbene molto intensa, e finalmente abbiamo avuto l’opportunità di fare lezioni one-to-one con tutor che hanno studiato il nostro progetto ed espresso i loro dubbi per farci crescere. Sul business plan, ad esempio, eravamo carenti, ma dopo questa esperienza ci siamo rafforzati e molti aspetti sono più chiari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp