Al via su Eppela la call sulla mobilità di UnipolSai FutureLab

Tra tutti i progetti selezionati che arriveranno al 50% del budget, UnipolSai premierà quelli più meritevoli corrispondendo un cofinanziamento fino a un massimo di 5.000 euro

Al via da lunedì 11 gennaio su Eppela, la call sulla mobilità di UnipolSai FutureLab.

Per i prossimi 40 giorni tre progetti dedicati al mondo delle biciclette e pensati per l’ambiente, la comunità e le aree più svantaggiate del pianeta, saranno in crowdfunding su Eppela.

Eppela_UnipolSai_bici

Questi i progetti:

Flamingo, la bici ambulanza per alcune aree di paesi poveri, dove non esistono strade asfaltate.

Firefly, sistema d’illuminazione al led per due ruote, pensato per la comunità di braccianti di Latina che ogni mattina e notte pedalano su tratti statali su mezzi spessi privi di luce.

CicloVia Francigena, percorso in GPS per chi percorre in bici la via Frangigena.

Il crowdfunding per UnipolSai è un’opportunità per supportare le idee d’impresa ad alto valore sociale e culturale, attraverso un momento di confronto con idee che provengono da canali innovativi. Attraverso UnipolSai FutureLab, UnipolSai sostiene tutti coloro che vogliono testare in maniera meritocratica il proprio progetto con il crowdfunding.

Tra tutti i progetti selezionati che arriveranno al 50% del budget, UnipolSai premierà quelli più meritevoli corrispondendo un cofinanziamento (il restante 50% del budget) fino a un massimo di 5.000 euro per progetto.

Da San Francisco i nuovi trend su Intelligenza Artificiale e Machine Learning

A 10.000 chilometri di distanza e dopo 70 ore di codice e best practice internazionali, i Data Scientist di illimity raccontano quali sono i nuovi trend di Intelligenza Artificiale con cui le aziende devono misurarsi

Chi sono gli alunni “plusdotati” e perchè è importante che siano riconosciuti dal Miur

Momento storico per gli alunni plusdotati in Italia. Il Ministero dell’Istruzione “ha riconosciuto”, per la prima volta, all’interno del sistema degli alunni con bisogni educativi speciali anche quelli ad alto potenziale cognitivo. L’intervista con la presidente di Aget Italia