La prima exit dell’anno è nel biotech, la romana Biocare acquistata da Irvine

L’ammontare della transazione non è stato comunicato. L’acquisizione consentirà a Irvine di sfruttare le capacità di Biocare e ampliare la propria presenza nel mercato europeo di fecondazione in vitro

Irvine Scientific, di Santa Ana in California, produttrice di materiale, reagenti e dispositivi medicali utilizzati per la cultura cellulare per applicazioni industriali, cliniche e di ricerca, ha acquisito BioCare Europe Srl, distributore con sede a Roma, di fecondazione in vitro (IVF), dispositivi medici e attrezzature.

L’ammontare della transazione non è stato comunicato. L’acquisizione consentirà a Irvine Scientific di sfruttare le capacità di Biocare e ampliare la propria presenza nel mercato europeo di fecondazione in vitro.

Biocare_fecondazione in vitro

Guidata da Luca Trama, Managing Director, Biocare è un distributore di una vasta gamma di prodotti di fecondazione in vitro al mercato europeo la cui rete di è concentrata principalmente in Italia, Francia, Grecia, Portogallo e Spagna .

Guidata da Yuichi Nagano, Presidente e CEO, e membro di JX Group, Irvine Scientific fornisce il mercato IVF di cGMP coltura cellulare supportando gli ospedali IVF e le cliniche di tutto il mondo, e una presenza commerciale in Europa, principalmente concentrata nel Regno Unito, in Francia e in Germania.

“Scuola in chiaro” cos’è e come funziona la nuova app del MIUR

Quest’anno tra l’altro le iscrizioni online alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado saranno aperte dalle 8 del 7 gennaio alle 20 del 31 gennaio 2019. Ma già a partire dalle 9 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione su www.iscrizioni.istruzione.it

Adam’s Hand la mano bionica stampata in 3D ideata da una startup leccese

Nata dall’idea di tre giovani salentini Giovanni Zappatore, Dario Pianese e Duilio Madaro: ADAM’S Hand è la protesi mioelettrica con componenti stampate in 3D che permettono di personalizzare la lunghezza delle dita per ogni utente in base alle dimensioni dell’altra mano. La startup leccese Bionit Labs