La prima exit dell’anno è nel biotech, la romana Biocare acquistata da Irvine

L’ammontare della transazione non è stato comunicato. L’acquisizione consentirà a Irvine di sfruttare le capacità di Biocare e ampliare la propria presenza nel mercato europeo di fecondazione in vitro

Irvine Scientific, di Santa Ana in California, produttrice di materiale, reagenti e dispositivi medicali utilizzati per la cultura cellulare per applicazioni industriali, cliniche e di ricerca, ha acquisito BioCare Europe Srl, distributore con sede a Roma, di fecondazione in vitro (IVF), dispositivi medici e attrezzature.

L’ammontare della transazione non è stato comunicato. L’acquisizione consentirà a Irvine Scientific di sfruttare le capacità di Biocare e ampliare la propria presenza nel mercato europeo di fecondazione in vitro.

Biocare_fecondazione in vitro

Guidata da Luca Trama, Managing Director, Biocare è un distributore di una vasta gamma di prodotti di fecondazione in vitro al mercato europeo la cui rete di è concentrata principalmente in Italia, Francia, Grecia, Portogallo e Spagna .

Guidata da Yuichi Nagano, Presidente e CEO, e membro di JX Group, Irvine Scientific fornisce il mercato IVF di cGMP coltura cellulare supportando gli ospedali IVF e le cliniche di tutto il mondo, e una presenza commerciale in Europa, principalmente concentrata nel Regno Unito, in Francia e in Germania.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era