Patarnello (Bending Spoons): «Perché abbiamo pagato 25 mila euro per una cena con Zacconi»

Intervista al cofounder di Bending Spoons, la startup che si è aggiudicata una cena con Zacconi (Candy Crush) con una donazione di 25mila euro con CharityStars

Creano e lanciano app sull’App Store. Si chiama Bending Spoon la startup che ha deciso di donare 25 mila euro per una cena con Riccardo Zacconi, ideatore di Candy Crush e founder di King Digital, società venduta a novembre per la cifra monstre di 5,9 miliardi di dollari ad Activision. «Non lavoriamo per clienti ma solo sui nostri progetti, e guadagnano attraverso pubblicità e acquisti all’interno delle nostre app». Le nostre app sono state scaricate più di 35 milioni di volte, fa sapere la società. Si tratta di circa 50 mila download al giorno. E diversi milioni di utenti attivi. «Il nostro obiettivo è di diventare i numeri uno al mondo. Miriamo anche a superare King stessa, la società di Riccardo» dice scherzando Francesco Patarnello, 30 anni di Padova e cofounder di Bending Spoons. Lo abbiamo contattato per sapere qualcosa di più sulla cena.

bending spoons cut

Una startup che dona 25mila euro in beneficienza per una cena, anche se con un big della digital economy come Zacconi. Perché?

Ogni anno devolviamo in beneficenza una parte dei nostri profitti. Quando abbiamo scoperto di un’asta per pranzare con Riccardo Zacconi abbiamo pensato di cogliere due piccioni con una fava: donare per una causa che ci sta a cuore e conoscere un grande imprenditore, sicuramente fonte d’ispirazione per giovani imprenditori come noi.

Come l’avete scoperta?

Sono amico da anni col co fondatore di CharityStars, Francesco Fusetti. Immaginando che saremmo potuti essere interessati a conoscere Riccardo, è stato lui a farmi sapere che ci sarebbe stata quest’asta.

Cosa vi aspettate dalla cena con Zacconi?

Di passare un paio d’ore divertenti e scambiarsi un sacco di storie di trincea imprenditoriale. Magari, perché no, anche di ricevere qualche consiglio. Riccardo ha fondato King Digital Entertainment, la mamma di Candy Crush Saga, che si occupa principalmente di creare e lanciare giochi per smartphone. Noi a Bending Spoons creiamo e lanciamo app (per il momento non giochi) per smartphone. La vicinanza dei nostri business aumenta le probabilità che Riccardo possa avere dei consigli preziosi da darci. In ogni caso amiamo conoscere persone dello spessore di Riccardo. Sentire le loro storie ci stimola ancora di più a continuare a puntare in alto.

Curiosità. Il nome della vostra società ricorda una scena famosa di Matrix, c’entra? 

Certo, Bending Spoons è ispirato alla scena in cui un ragazzino utilizza il potere della mente per piegare un cucchiaio. Per noi Bending Spoons simboleggia sia la nostra determinazione a riuscire in quello che quasi tutti ritengono impossibile (35 milioni di download sono solo l’inizio) che le nostre incrollabili forza di volontà e persistenza.

Arcangelo Rociola
@arcamasilum

Ti potrebbe interessare anche

Cosa manca all'Europa dell'innovazione (e cosa sta cambiando)

Frammentata, con pochi capitali e con una cultura imprenditoriale molto diversa da quella degli Stati Uniti. Anche in Europa, però, si vuole cambiare rotta e oggi verrà presentata la Startup Europe Partnership

«I miei 5 consigli per far diventare la tua startup come Candy Crush »

Riccardo Zacconi, fondatore di King, incontra gli studenti della LUISS al Career Day. “Divertitevi. Non prendetevi troppo sul serio”. Poi confessa di non aver creato lui il gioco delle caramelle

In auto per 30mila chilometri per accompagnare la figlia al college

Huang Haitao aveva promesso a sua figlia che avrebbe attraversato 26 nazioni se fosse stata accettata in un’università americana. Quando la lettera di ammissione è arrivata da Seattle, non ha potuto far altro che partire con lei dalla Cina verso gli Stati Uniti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia