3 mila euro a innovatori italiani per un viaggio/studio in Canada dall’ambasciata

Il bando è un’iniziativa dell’Ambasciata del Canada in Italia che mira a rafforzare i legami tra i due paesi in materia di innovazione. Iscrizioni entro l’1 aprile 2016

Il Canada-Italy Innovation Award è un’iniziativa dell’Ambasciata del Canada in Italia che mira a rafforzare i legami tra i due paesi in materia di innovazione, un premio per ricercatori, scienziati, esperti di innovazione e startupper italiani interessati a sviluppare e approfondire le proprie ricerche con colleghi e omologhi canadesi in ambiti e settori ritenuti prioritari dal governo di Ottawa. Ci si può candidare da ora fino al primo aprile 2016.

Il Canada-Italy Innovation Award punta a sviluppare le relazioni già esistenti e anche quelle nuove tra esperti italiani e canadesi in modo da stabilire collaborazioni di lungo periodo. L’esito ideale sono pubblicazioni e progetti di ricerca congiunti; programmi di scambi per studenti e ricercatori; condivisione di attrezzature, materiali e strutture; scambio di abilità e tecniche; collegamenti istituzionali; sviluppo di tecnologia applicata e trasferimento tecnologico. È fortemente incoraggiato lo sviluppo di modelli innovativi di collaborazione.

Saranno presi in considerazione progetti nelle seguenti aree: tecnologie sostenibili; ricerca sulle tecnologie sugli Oceani e sul circolo polare artico; Internet of Things (IoT); Information and Communication Technology (ICT); sicurezza nel cibo e sviluppo di un’agricoltura sostenibile; manifattura avanzata; Life Sciences.

canada

Il valore del premio è destinato a coprire il viaggio del vincitore in Canada per una quota massima di 3 mila euro. Tra le spese che possono essere rimborsate ci sono voli aerei in classe economy, alloggio, trasporti locali e 60 euro al giorno. Tutte le altre spese sono escluse. Il rimborso avviene dietro presentazione di ricevute, fatture, scontrini, ecc. Il viaggio del vincitore sarà di breve durata. Al termine della visita i vincitori dovranno compilare un report e fornire aggiornamenti sui risultati iniziali entro i primi 6/12 mesi successivi al viaggio, con l’obiettivo di sviluppare relazioni a lungo termine.

I richiedenti saranno valutati secondo i seguenti criteri: livello di innovazione del progetto proposto; qualità dei risultati proposti e capacità di portarli a termine; potenziale per collaborazioni importanti e a lungo termine; potenziale per sviluppare la collaborazione a un livello istituzionale più ampio; utilizzo di modelli collaborativi creativi ed innovativi; uso innovativo delle infrastrutture di ricerca.

Sarà data particolare considerazione ai richiedenti che siano in grado di dimostrare perché la ricerca proposta potrebbe essere di particolare beneficio per una collaborazione internazionale. Le richieste saranno esaminate dall’Ambasciata del Canada in Italia in collaborazione con prestigiosi esperti.

Le iscrizioni dovranno pervenire tramite application form entro il primo aprile 2016 alle ore 11:59.

Le richieste complete vanno inviate a [email protected].  Il soggetto del messaggio deve essere: “Canada-Italy Innovation Award”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.