Da Como a Londra: Directa Plus sbarca all’AIM e raccoglie 16,8 milioni

L’azienda nata a ComoNext mette sbarca sul listino londinese e vende 17mila azioni al debutto. Directa Plus ad oggi ha il più grande stabilimento di grafene in Europa

Directa Plus, azienda italiana tra i più grandi produttori e fornitori di materiali a base grafene al mondo, si è quotata venerdì 27 maggio sull’AIM di Londra. «Arrivare alla Borsa di Londra è stato per noi un importante traguardo» ha commentato Giulio Cesareo, fondatore e Ceo di Directa Plus, sottolineando che «questa è al contempo solo una tappa del nostro percorso di crescita».

Grafene-Miracolo-a-Lomazzo_h_partb

Il più grande stabilimento europeo di produzione grafene

Directa Plus è nata nel 2005 al Parco Scientifico Tecnologico ComoNext di Lomazzo, è specializzata in nanomateriali a base di grafene ed ha al suo attivo 36 brevetti. L’azienda tecnologica è uno dei maggiori produttori e fornitori di prodotti a base grafene identificati dal brand G+ e destinati ai mercati internazionali consumer e industriali. L’azienda ha inaugurato a giugno del 2014 le Officine del Grafene, uno dei più grandi impianti europei per la produzione di fogli di grafene altamente puro progettato seguendo una logica modulare replicabile ed esportabile.

Cos’è il grafene e perché è il materiale del futuro

 

«Un grazie particolare va a chi ha creduto in noi, agli investitori storici per il supporto dato in questi anni e ai nuovi investitori che stanno scommettendo insieme a noi sul grande potenziale dei nostri materiali» ha detto ancora il numero uno di Directa Plus. «Directa Plus ha potuto beneficiare di un importante contributo sia da parte degli investitori britannici che da quelli del resto d’Europa» ha rimarcato Sir Peter Middleton, chairman del board di Directa Plus, che è stato Group Chairman di Barclays Bank e Permanent Secretary presso il Ministero delle Finanze britannico”.

I numeri di Directa Plus: 16,8M raccolti per 17mila azioni

Directa Plus ha raccolto circa 12,8 milioni di sterline, pari a circa 16,8 milioni di euro, vendendo 17.033.334 azioni al prezzo di 75 pence, poco meno di un euro. Il valore di mercato azionario di Directa Plus all’attuale prezzo di collocamento è di circa 33,2 milioni di sterline, pari a 43,5 milioni di euro. Il totale delle azioni ordinarie emesse è 44.212.827. L’azienda di Lomazzo commercia sull’AIM di Londra con il ticker DCTA.L.

“Scuola in chiaro” cos’è e come funziona la nuova app del MIUR

Quest’anno tra l’altro le iscrizioni online alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado saranno aperte dalle 8 del 7 gennaio alle 20 del 31 gennaio 2019. Ma già a partire dalle 9 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione su www.iscrizioni.istruzione.it

Adam’s Hand la mano bionica stampata in 3D ideata da una startup leccese

Nata dall’idea di tre giovani salentini Giovanni Zappatore, Dario Pianese e Duilio Madaro: ADAM’S Hand è la protesi mioelettrica con componenti stampate in 3D che permettono di personalizzare la lunghezza delle dita per ogni utente in base alle dimensioni dell’altra mano. La startup leccese Bionit Labs