CapriStartup Report: Il Premio SpinUp

CapriStartup: 4 storie di startup promettenti della Scena Tech del Made in Italy L’innovazione è una bellezza senza tempo e si incontra a Capri Startup Spin Up Award, la competizione per startup che ha aperto il convegno dei Giovani di Industriali a Capri. L’evento ha vistro tra gli autori e organizzatori Angelo Marra di Confindustria e… Read more »

CapriStartup: 4 storie di startup promettenti della Scena Tech del Made in Italy

gisud-web-promo-05

L’innovazione è una bellezza senza tempo e si incontra a Capri Startup Spin Up Award, la competizione per startup che ha aperto il convegno dei Giovani di Industriali a Capri. L’evento ha vistro tra gli autori e organizzatori Angelo Marra di Confindustria e Antonio Prigiobbo di NAStartUp, la “palestra” per le startup di Napoli, ha visto 12 idee sfidarsi per aggiudicarsi i premi in palio come master in digital marketing e startup management e tre mesi di incubazione presso Digital Magics.

gisud-web-promo-08

Ma il premio più ambito da ognuno degli startupper è stato un altro: l’opportunità di esibirsi davanti a una platea di aziende (tra gli ospiti Damiano Possenti di Lavazza che ha parlato dei programmi di open innovation del brand), investitori come Digital Magics e Vertis, e rappresentanti di Confindustria: «Il vero obiettivo dell’evento è stimolare l’open innovation. Siamo in un momento storico in cui le aziende sono interessate a investire e l’occasione di Capri può permettere alle startup di farsi notare dai soggetti interessati e allacciare contatti da approfondire», spiegano Prigiobbo e Marra.

gisud-web-promo-12

Chi proverà a sfruttare l’opportunità è senza dubbio Jacopo Teodori, cofounder di Wallfarm, la startup vincitrice dell’evento. Qual è l’idea? Jacopo e il team hanno sviluppato un sistema che automatizza la coltivazione in idroponica ed aeroponica, per consentire a tutti di coltivare frutta e verdura in casa propria, con meno inquinamento e spreco di risorse. La loro soluzione si chiama ONE e, con il sistema degli orti verticali, permette di coltivare sei piante fino a un metro di altezza: «La base della tecnologia si chiama LIA, un sistema che analizza l’acqua, ne corregge i valori e garantisce un nutrimento ottimale delle piante. I vantaggi? Si automatizza il ciclo di crescita della pianta, aumenta la produzione, diminuendo i tempi», spiega Jacopo che è partito a InnovAction Lab e oggi sta solcando la strada del B2B. L’accordo con Barilla, «a breve consegneremo i primi prodotti, continua Jacopo», è di certo un inizio promettenti. Anche se il sogno di Wallfarm è invadere il mercato del B2C, “entrando nelle case” dei clienti.

WallFarm si è presentata nella categoria Agritech della competizione. Nelle altre previste, ci sono altre storie promettenti da raccontare.

gisud-web-promo-06

Nella categoria “Tourism” si è distinta Francesca Camerota, ideatrice di Mamma Cult, un marketplace che premette alle famiglie, con bambini da 0 a 13 anni, di selezionare le migliori attività turistiche, e i servizi culturali, pensati per loro. «Si tratta di un mercato molto interessante In città le famiglie italiane trascorrono circa 13,5 ore a settimana con i propri bambini per spesa annua di circa 1.463€», spiega Francesca nel suo pitch.

In “Smart Manufacturing” è piaciuta l’idea di MioGarage, l’Airbnb dei posti auto privati. Il fondatore del progetto è un 21enne, Stanislao Elefante, autore di una piattaforma che mette in contatto chi ha uno spazio di sosta inutilizzato (pensiamo a un garage, a uno spazio condominiale, all’aerea parcheggio di un hotel) con chi è alla ricerca di un posto auto. La soluzione è completamente automatizzata, grazie a un hardware, che viene posto in prossimità dell’ingresso del posto auto riservato, e un’app con cui trovare, prenotare e pagare lo spazio: «La condivisione dei posti auto tra privati ottimizza gli spazi, migliora la circolazione del traffico e può potenzialmente incrementare il valore degli immobili», spiega così Stanislao alcuni dei benefit offerti dalla sua startup.

Nell’ultima categoria prevista dalla competizione, “eHealth”, ha vinto Grampit, startup innovativa che si è costituita lo scorso anno. Il fondatore è Fausto Preste, startup seriale con già un’exit alle spalle, Dotadv ceduta a Subito.it nel 2014. Con Grampit ha ideato un servizio di monitoraggio e assistenza degli anziani, tutto automatizzato. La base sono dei sensori che comunicano con la persona anziana e gli ricordano, per esempio, di prendere medicine, monitorano costantemente le sue condizioni di salute e lo mettono in contatto con personale medico specializzato: «Così riduciamo la necessità di visite mediche frequenti e facciamo risparmiare sua la famiglia e alcuni dei costi pubblici legati all’assistenza statale», spiega Fausto nel pitch.

Report Giancarlo Donadio

 

CapriStartup

Link alle schede Delle Startup e Partecipanti

Foto Galley

Capri Startup Foto Giusva Cennamo Studio Primo Piano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Exit per Tilt, l’app di social payment comprata da Airbnb per 12 milioni

Airbnb ha versato 12 milioni in cash nelle casse startup che facilita lo scambio di soldi tra persone via mobile, ma tra decine in bonus per i fonunders e scambi di quote l’ammontare totale dell’operazione ammonterebbe a 60 milioni

«Più sei popolare su Facebook più ti facciamo risparmiare su quello che compri»

Il potere degli influencer applicato all’eCommerce: fare un post su Facebook dicendo cosa compri può valere dai 5 ai 10 euro. E’ l’algoritmo della startup italiana Worldz. Dopo il round da 150K abbiamo intervistato il founder e Ceo, Joshua Priore

Disney ha acquisito MakieLab, la startup della prima bambola stampata in 3D

MakieLab dal 2012 produce giocattoli con la fabbricazione digitale. La famosa casa di intrattenimento per bambini l’aveva già accolta nel suo programma di accelerazione nel 2015 e ora ne assorbirà tecnologia e piattaforma

Perché per un mese, ogni martedì, siamo usciti dalla nostra redazione (e non finisce qui)

Siamo bravi con le parole, ma ci piace di più fare: così è nato un format di networking “leggero” e anche un po’ “carbonaro”. Le quattro colazioni The Next Tech a Milano con le startup sono state utili? Chiedete pure feedback a chi c’era