«Caro vincitore del Superenalotto, facci da angel». Lettera di una startup calabrese

Una lettera molto divertente, e un po’ geniale. L’idea della startup calabrese Macingo di rivolgersi al vincitore del Superenalotto. Gli chiedono un milione in cambio del 40% della società.

Caro sconosciuto milionario che hai vinto al SuperEnalotto con una sestina giocata in una ricevitoria di Vibo Valentia, innanzitutto complimenti!

In questi giorni, come immaginerai, molti in Calabria ti hanno pensato, hanno desiderato essere al tuo posto e soprattutto si sono chiesti come potrai mai spendere quei soldi. Sicuramente una posizione invidiabile la tua, in molti vorrebbero avere il problema di come spendere una cifra del genere. Sono davvero tanti soldi e l’augurio è che tu possa riuscire nel migliore dei modi ad allocarli tra parenti e amici, tra sfizi che ti vorrai togliere dopo una vita giustamente moderata (una barca, un bel lungo viaggio della durata di 2 anni) e magari qualche investimento.

smau-macingo-idea-750x300

A proposito di questo ultimo aspetto, stai già pensando a come investire una parte dei tuoi 160 mln? Ecco noi vorremmo darti un’idea, indicarti una strada e parlarti di Macingo.

Siamo una start up “made in Calabria”. Abbiamo vinto alcuni premio, i giornali nazionali ne parlano bene e stiamo diventando una importante realtà nel settore. Siamo la più grande community italiana di condivisione di trasporti di merce ingombrante e vendiamo trasporti direttamente su internet.

Siamo in 11 a lavorare a questo progetto nato e sviluppato nella Piana di Gioia Tauro, a due passi da casa tua! La malavita ci ha sempre fatto schifo, e abbiamo come unico obiettivo quello di realizzare il nostro sogno e diventare grandi in Calabria. Cresciamo ogni mese del 30% e contiamo da qui a breve di raggiungere il 1° milione di fatturato. Nostri concorrenti stranieri ci seguono e a breve potrebbero “mangiarci”.

Ma noi vorremmo continuare a crescere e difenderci facendo business a casa nostra. Ti andrebbe di darci una mano? Abbiamo in programma un sostanzioso piano di crescita che però necessita di importanti investimenti. So che può sembrare una follia ma per finanziarci dobbiamo chiedere sostegno a chi i soldi li ha, fondi di investimento e milionari come te. Stai pensando già a come investire una parte del tuo nuovo patrimonio? Macingo può essere una valida idea.

Qualora decidessi di fare questo investimento non ti chiederemo di investire una parte cospicua del tuo patrimonio ma solo 1/160 in cambio del 40% della nostra società. Non pretendiamo di andare dal notaio domattina ma ci auguriamo potrai riflettere su questa iniziativa: aiuteresti a crescere una giovane realtà calabrese e tu avresti un ritorno sull’investimento garantito.

Siamo disponibili ad approfondire la questione e a fornirti qualsiasi delucidazione garantendo il tuo anonimato e privacy totale nella divulgazione delle informazioni. Capiamo la situazione.

Ti lasciamo con due cose:

  1. il primo è un sentito augurio affinché tu possa vivere felice questa nuova realtà che la fortuna ti ha regalato;
  2. il secondo è il nostro Iban.

Qui potrai far arrivare la tua quota di investimento o, qualora ritenessi più opportuno, un’eventuale donazione.

Iban: IT90 O084 9263 5600 00000752472 intestato a MACINGO TECHNOLOGIES SRL.

Sappiamo che starai pensando di lasciare tutto e scappare via ma se puoi… goditi il mondo e la vita restando in Calabria!

Consapevoli che non è una scelta facile né tanto meno scontata e con l’augurio di diventare il nostro Business Angel, è stato comunque bello parlarti.

Cordialmente.

Il team di Macingo

Un Commento a “«Caro vincitore del Superenalotto, facci da angel». Lettera di una startup calabrese”

  1. Il Fulge

    Hahaha, se il vincitore ha un briciolo di intelligenza sarà già emigrato all’estero, possibilmente in un Paese civile, a godersi i soldi, altro che business angel.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arriva dal vino la pelle naturale che non sfrutta gli animali

WineLeather è vegetale al cento per cento ed è ricavata dalla vinaccia. L’idea sviluppata da Gianpiero Tessitore e Francesco Merlino rappresenta un’occasione di rilancio per il settore conciario italiano all’insegna della sostenibilità e del cruelty-free

Magnocavallo (Tannico): La Digital Transformation? Marcia in più per il settore vitivinicolo

Con il ceo della startup parliamo di Gli Impatti della Digital Transformation sul settore Agrifood, il report di Cisco Italia e Dti. «Chi fa investimenti importanti sulle tecnologie produttive spesso riesce ad avere prodotti con qualità uniforme e di alto livello»

Più bike sharing, meno stazioni di parcheggio. Shike, il progetto di MugStudio (SocialFare)

Andrea Tommei e Andrea Cantore hanno sviluppato un progetto di bike sharing innovativo, che permette ai cittadini di non servirsi delle classiche stazioni. Shike è tra le 5 aziende selezionate per Foundamenta#3, il programma di accelerazione per startup a impatto sociale