KeyCapital scommette sulla App CheckBonus

Il venture incubator fondato da Giorgio di Stefano investe nello sviluppo del progetto della startup milanese. Il cui lancio è previsto a settembre

Casolari SI

Giorgio Di Stefano andrà presto a sedersi nel consiglio d’amministrazione di CheckBonus. Affiancando Yuri Ceschin e Pierluigi Casolari (nella foto, ndr), rispettivamente Cto e Ceo della startup milanese. Di Stefano è fondatore (nel 2012) e Ceo di KeyCapital srl, e ha deciso di investire con il suo venture incubator nello sviluppo della App CheckBonus. Il cui lancio è previsto per settembre. Da qui il suo ingresso nel cda della creatura di Ceschin e Casolari.

CheckBonus è un generatore di “store traffic” e propone una soluzione completamente “mobile” ad uno dei problemi più attuali del retail, ovvero la perdita di appeal rispetto alla fascia di utenti giovani che sempre più utilizza l’e-commerce come alternativa all’acquisto tradizionale, e che allo stesso tempo sempre più massicciamente usa il mobile come principale shopping assistant.

Secondo recenti studi Nielsen – spiega in un comunicato la startup milanese – oltre il 70% dei possessori di smartphone utilizza oggi shopping apps all’interno dei punti vendita, sia come strumenti di potenziamento dell’esperienza d’acquisto che come sorgente di informazioni per completare (on o offline) l’acquisto.

CheckBonus offre a negozi specializzati e grande distribuzione organizzata un sistema di raccolta punti per ogni ingresso, e alle aziende nuove modalità di comunicare efficacemente promozioni e comunicazioni in store, nonché innovative possibilità di misurare il valore della pedonalità.

Qui sotto, il pitch di ChekBonus al Talent Garden

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Parole O_stili, il manifesto per la cultura digitale arriva in classe

In pochi mesi è nato un movimento virale che vuole cambiare il modo di comunicare in rete. Il Manifesto si sta diffondendo nelle classi anche grazie alle agende che Mondadori Education ha realizzato in collaborazione con Parole O_stili