App4Mi sceglie il vincitore

Il contest promosso dal Comune di Milano entra nel vivo: si vota per scegliere l’applicazione che meglio delle altre semplificherà la vita ai milanesi

APP4MI 600X400

Sessantaquattro applicazioni, 20mila euro complessivi in palio e un mese alla premiazione finale. Il concorso App4Mi, dedicato all’utilizzo degli open data del Comune di Milano e organizzato dall’amministrazione stessa, RCS MediaGroup e dall’incubatore Digital Magics è entrato nella fase più calda, quella conclusiva. Le 64 app selezionate (la carrellata è disponibile qui) vengono votate dagli internauti e da una giuria di esperti composta da personaggi di riferimento del settore come Andrea Rangone, delegato del Rettore per l’incubatore PoliHub del Politecnico di Milano; Giorgio Rapari, presidente Assintel; Guido Albertini, direttore centrale dei Sistemi Informativi e dell’Agenda Digitale del Comune di Milano; Vincenzo Scarlato, head of Innovation & New Producs Vodafone; Enrico Gasperini, fondatore di Digital Magics.

Gli sviluppatori, come detto, hanno pescato nel calderone dei dati aperti di Palazzo Marino per creare soluzioni che rendano la vita più facile a chi si sposta e cerca un posto o un servizio nel capoluogo lombardo. In particolare, ad andare per la maggiore sono le app collegate al servizio di bike sharing, BikeMi. BikeMore, ad esempio, si propone come Cicerone per portarti alla stazione più vicina. BikeNav4Mi giunge invece in soccorso di chi sta cercando piste ciclabili, mentre Bike4Milan integra la ricerca delle due ruote con quella di musei, percorsi, hotspot wi-fi e strutture mediche. Interessante BikeDistrict, che si occupa di segnalare il percorso più adatto a chi si sposta in bicicletta valutando la sicurezza e la comodità delle strade e inserendo, sempre andando a proporre il tragitto più breve, zone pedonali e parchi nello spostamento.

I creatori di Wifi4Mi si sono occupati in maniera specifica delle connessioni senza fili. Oltre a individuare gli hotspot più vicini della rete meneghina, l’app avvisa con una notifica se ci si trova in una zona coperta e in futuro sarà in grado di permettere allo smartphone di autenticarsi direttamente senza dover inserire ogni volta le proprie credenziali. Next Charge ha aggiunto Milano alle città recensite per ciò che concerne i punti di ricarica per le auto elettriche. All’interno dell’app sono presenti più di 30mila luoghi. Meritano infine una menzione DoveSiButta, provvidenziale strumento per trovare il cassonetto giusto per ogni rifiuto, farmaci compresi, e QuoliMi, probabilmente l’idea più particolare. L’app prova a individuare la zona della città più adatta all’utente, basandosi sulle informazioni inserite.

L’elezione del vincitore è in calendario per giovedì 10 ottobre.

Così l’India sta diventando la nuova patria degli unicorni

Non esiste solo la Cina. C’è un altro attore asiatico che sta diventando un vero e proprio gigante dell’innovazione. Si tratta dell’India, che nella prima parte del 2018 ha già battuto il suo record personale di startup valutate come “unicorni”

“Scuola in chiaro” cos’è e come funziona la nuova app del MIUR

Quest’anno tra l’altro le iscrizioni online alle classi prime della scuola primaria e della secondaria di I e II grado saranno aperte dalle 8 del 7 gennaio alle 20 del 31 gennaio 2019. Ma già a partire dalle 9 del 27 dicembre 2018 si potrà accedere alla fase di registrazione su www.iscrizioni.istruzione.it

Adam’s Hand la mano bionica stampata in 3D ideata da una startup leccese

Nata dall’idea di tre giovani salentini Giovanni Zappatore, Dario Pianese e Duilio Madaro: ADAM’S Hand è la protesi mioelettrica con componenti stampate in 3D che permettono di personalizzare la lunghezza delle dita per ogni utente in base alle dimensioni dell’altra mano. La startup leccese Bionit Labs