360.000 dollari in un week end?

Scade lunedì la prima edizione di 360 by 360 Competition

Trecentosessantamila dollari, è quanto mette a disposizione 360 Capital Partner con 360 by 360 Competition, la prima edizione di questa nuova startup competition.

L’iniziativa nasce dalla loro fiducia nella spinta innovativa “Made in Italy” ed è finalizzata a valorizzare l’ecosistema italiano dell’innovazione attraverso il supporto, finanziario e operativo, alle più eccellenti startup nazionali.

In palio un investimento di $ 360.000 per la startup vincitrice, la quale diventerà a tutti gli effetti parte del portafoglio del fondo e verrà seguita nelle sue diverse fasi di sviluppo.

La Competition è aperta a tutte le startup innovative operanti nei settori:

  • Digital
  • Industrial & Cleantech
  • Medical Devices

Alla finale avranno accesso 20 startup, selezionate da 360 Capital Partners e da Partner come il Barcamper di Gianluca Dettori, Vodafone Xone ed H-Farm di Riccardo Donadon.

Per provarci ormai non c’è tempo da perdere (tanto questo week end è prevista pioggia!), tutto quello che dovete fare è registrarvi in questa pagina.

In bocca al lupo!

David Casalini

Community, Engagement e Design: gli ingredienti per co-creare al meglio insieme ai tuoi clienti

Giuseppe Montella a ottobre 2018 entra in illimity come Head of Design con l’obiettivo di disegnare un’experience differenziante per una banca di nuovo paradigma, all’insegna del coinvolgimento dei clienti, prototipazione e continua sperimentazione

Dalla paura della flebo un’intuizione per aiutare i bambini malati: Medi Teddy

Una ragazzina di appena 12 anni, Ella Cusano, ha avuto l’idea di trasformare il suo orsacchiotto in uno stratagemma per nascondere la sacca delle sue trasfusioni che tanto le facevano impressione. Da lì l’idea di diffondere il suo diversivo a molti pazienti della sua età

Emirati Arabi, Pure Harvest: il nuovo petrolio sono i pomodori

Le condizioni climatiche proibitive costringono il Paese a fare massicce importazioni di frutta e verdura. Una startup promette di far nascere i pomodori nel deserto