Rcs apre le porte alle startup con Digital Magics

“Far germogliare tra le 15 e le 20 attività imprenditoriali nel giro del prossimo anno” è l’obiettivo di Rcs Nest, l’incubatore del gruppo di via Solferino

rcs-digital magic  600x400

400 metri quadri, 50 postazioni e il supporto formativo ed eventualmente economico di Digital Magics e Rcs. Sono queste le caratteristiche del “nido”, così l’ha definito l’amministratore delegato del gruppo di Via Solferino Pietro Scott Jovane, che è stato presentato oggi.

Rcs Nest: così si chiama il programma di incubazione che si rivolge in maniera specifica alle giovani imprese che lavorano a idee e prodotti dedicati alla gestione dei contenuti. La particolarità dell’iniziativa è proprio questa: all’attività di incubazione tradizionale di Digital Magics si aggiunge il contributo di Rcs che, oltre a mettere a disposizione lo spazio all’interno della sua storica sede (attorno alla quale aleggiano ancora, fra l’altro, le voci di vendita), dialogherà in maniera diretta e preferenziale con gli startupper. Un grande gruppo che decide di coccolare in seno idee innovative per, eventualmente, acquistarle o sostenerle in maniera rilevante in futuro. La situazione non facile in cui versa Rcs e l’editoria giornalistica in generale può trasformarsi in questo senso in un valore aggiunto: il bisogno di nuovi spunti e soluzioni per monetizzare l’attività è indubbio e lavorare dall’interno a una soluzione come, ad esempio, Etalia (presentata ieri e raccontata in anteprima su StartupItalia!) è un’ottima opportunità.

A livello di soldi, Digital Magics e Rcs contribuiranno alla fase seed. Scott Jovane ha quantificato lo sforzo annuale in un massimo di “mezzo milione di euro”. Le startup selezionate potranno godere anche dell’esposizione mediatica garantita dalle testate e dalla concessionaria di pubblicità dell’editore. L’intenzione è quella di far germogliare tre le 15 e le 20 attività imprenditoriali nel giro del prossimo anno. Prima di Natale si conosceranno già i nomi delle prime startup selezionate per iniziare il percorso di incubazione.

Chi fosse interessato può fare riferimento al portale dell’iniziativa che, comunica Rcs a StartupItalia!, sarà pubblicato “entro Natale”. Nell’attesa conviene rivolgersi ai riferimenti di Digital Magics. Di buono, fra l’altro, c’è che se un idea non incontra i favori del tandem Gasperini – Scott Jovane può comunque sperare di entrare nell’orbita di Digital Magics, che dopo la quotazione in Borsa promette un’attività sempre più fervida. Fino a ora ha messo la firma sulla nascita di 35 imprese. 

Foto credits: Wiki Commons

Che cos’è il PropTech e perchè cambierà il settore immobiliare

Tra il 2011 e il 2017, le società di venture capital hanno investito 9 miliardi di dollari in società PropTech. Queste nuove società, insieme alle istituzioni finanziarie all’avanguardia, apporteranno un cambiamento positivo nell’esperienza del cliente nel settore immobiliare.

Huawei P30 Pro, la nostra anteprima da Parigi

Presentata la nuova ammiraglia dell’azienda cinese. Con una fotocamera innovativa, capace di scattare foto anche nel buio assoluto. E una lente a periscopio per un super-zoom

Omnidermal Biomedics vince il Premio Leonardo Startup 2018

Il Comitato Leonardo, in collaborazione con il MISE e l’Agenzia ICE, ha assegnato il riconoscimento alla startup nata come frutto della ricerca del Politecnico di Torino. Omnidermal ha sviluppato il “Wound Viewer”, dispositivo medico capace di acquisire e processare le immagini di ulcere cutanee grazie alla Intelligenza Artificiale.