Le 10 cazzate tipiche di uno startupper (parte 1)

#bastacazzate: è la tua idea strampalata che nessuno mai si filerà, ma intanto ci ricami sopra. Una raccolta delle migliori frasi da startupper

Prendiamo tre ragazzi, localizziamoli in Lombardia e mischiamoli con la passione per il web. Diamogli, adesso, GummyIndustries e WEBdeBs da portare avanti. E poi? E poi #Bastacazzate.

Fabrizio Martire, Michele Bertoli Alessandro Mininno hanno detto basta alle cazzate. In particolare quelle sulle startup. E’ un “urlo sottovoce”, come lo definiscono loro. #bastacazzate è quell’idea strampalata che già vedi grande multinazionale a Silicon Valley e non la riesci a spiegare neanche al tuo migliore amico, perché è troppo figa. #bastacazzate è quella app che non serve a nessuno, che però fa ti fa immaginare già la tua faccia sulla copertina di Forbes. #bastacazzate è quell’insieme di termini inglesi di cui non sai neanche il significato, ma fa molto professionale spruzzarli qua e là in un discors… pardon, pitch!

#Bastacazzate è un modo simpatico per autoironizzare sui sogni di gloria montati sulla nostra ipotetica startup. O sulla nostra idea. O semplicemente sui nostri atteggiamenti da grande professionista di non si sa bene ancora quale settore, se non quello appunto del dire cazzate.

Eccone alcune.

L’IDEA

1. Hai un’idea e credi che sia l’idea migliore mai concepita da un essere umano

2. Condividere il tuo progetto ti terrorizza perchè pensi che i grossi player ti copieranno.

3. Impieghi 2 ore per spiegare il tuo progetto, anticipandolo con scenari futuristici composti da: arcobaleni, unicorni, orsetti del cuore e il tuo prodotto utilizzato da tutti. Probabilmente stai dormendo. Ti devi svegliare.

TARGET E MERCATO DI RIFERIMENTO

4. Il tuo prodotto è per tutti.

BUSINESS MODEL

5. Non hai un modello di business e non ti serve perchè punti alla user base grossa. Dopodiché via con l’exit.

6. Non intendi investire tempo o soldi nella tua idea (sebbene sia vincente) e chiedi a terzi di lavorare gratis in cambio di revenue o visibilità. (questa è di @manuelnatale)

7. Pretendi di fare la tua startup con i soldi degli altri

TEAM

8. Lo sviluppatore principale è tuo cugino

9. Nel tuo modello fai $5b di revenue nel terzo anno – con un team di 10 persone.

10. Hai un’idea straordinaria ma me la riveli solo se divento tuo cofounder  (mi è successo veramente. Al che gli ho risposto “hey, è come andare in discoteca e dire a una che vuoi fare un mutuo senza neanche aver limonato” @ztomiolo)

Qui le altre frasi di #bastacazzate

Fintech italiano 2019: l’anno da incorniciare tra round, exit e IPO

Una nuova barca di soldi nel fintech britannico, ma anche nel nostro Paese il 2019 per le startup della finanza tecnologica è iniziato con il migliore degli auspici. Ripercorriamo tutti gli eventi più importanti dell’anno in corso.

Huawei contro il resto del mondo: a che punto siamo?

La faccenda sembra complicata, ma in realtà è molto semplice. La questione è sempre stata puramente economica: e tutti restano in attesa, guardinghi, di scoprire come finirà. E la Cina non starà certo a guardare

Food trend, siete pronti per i cocktail alla carne?

Per chi non si accontenta di mangiarla, la bistecca finisce anche nel bicchiere. Ecco l’ultima tendenza della mixology nata sui tavoli americani e approdata nello storico ristorante monzese Bove Lover

Torino, siglato l’accordo per un hub internazionale dell’innovazione alle OGR

Stimolare la ricerca ma anche attrarre startup e investimenti in fondi tech: questi gli obiettivi dell’accordo siglato da Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT e Intesa Sanpaolo Innovation Center.