Progetto di Monitoraggio delle Aree Boschive

Una rete di sensori per il monitoraggio multiambito diffuso e capillare

progetto MAB _logo

Il Progetto di Monitoraggio delle Aree Boschive ha l’obiettivo di fornire un sistema di monitoraggio diffuso e capillare multiambito attraverso una rete di sensori. I risultati di tale rete avranno impatti nella prevenzione di incendi nei parchi e nei boschi, nell’analisi del microclima, nella geolocalizzazione degli alberi al fine del controllo del legname prelevato e della prevenzione del furto, nel controllo ortofruttifero. In particolare, il progetto agevola gli Enti pubblici nell’identificazione precisa degli alberi atti alla potatura o all’abbattimento, l’individuazione di focolai o settori in cui il pericolo di incendi è maggiore e nella geolocalizzazione delle piante secolari. I privati invece possono essere supportati nell’individuazione di oggetti o persone in movimento nei territori non autorizzati.

Per saperne di più sui progetti presenti all’evento e sul Programma Operativo Nazionale Ricerca e Competitività, clicca qui.

Chi sono gli alunni “plusdotati” e perchè è importante che siano riconosciuti dal Miur

Momento storico per gli alunni plusdotati in Italia. Il Ministero dell’Istruzione “ha riconosciuto”, per la prima volta, all’interno del sistema degli alunni con bisogni educativi speciali anche quelli ad alto potenziale cognitivo. L’intervista con la presidente di Aget Italia