Cosa farò con 360mila dollari

Londra, Dubai e Los Angeles: i prossimi obiettivi possibili di Francesco Nazari Fusetti e CharityStars grazie ai 360mila dollari vinti nella 360by360 Competition

Francesco Nazari FusettiNegli ultimi 6 mesi avete avuto modo di conoscere, o anche solo sentito parlare, del nostro progetto oramai realtà CharityStars, il sito che raccoglie fondi mettendo all’asta oggetti ed esperienze con personaggi famosi.
 
Con immenso orgoglio vi annuncio che CharityStars ha vinto i 360.000 dollari del premio 360by360, una competition di altissimo livello alla quale hanno partecipato oltre 400 startup, tra le migliori in Italia oggi.  
 
CharityStars entrerà a far parte del portafoglio del fondo 360Capital Partner, il venture capital italiano che ha già investito in colossi come Yoox e MutuiOnline.
 
Ma la notizia più bella è che un fondo tradizionale investe e supporta una startup la cui prima mission è quella di generare un impatto sociale positivo.
 
I fondi ricevuti saranno reinvestiti per rafforzarci in Italia e iniziare l’espansione all’estero, partendo da Londra e Dubai fino ad arrivare a Los Angeles
 
Ci piace pensare che CharityStars, una realtà orgogliosamente italiana, possa raggiungere quel respiro internazionale necessario per diventare una delle più grandi piattaforme di fundraising per il no profit al mondo.
E magari così dimostrare, un giorno, che le buone startup non le sanno fare solo gli americani. 🙂 
 
Questo è la nostra vision a 3 anni e lavoreremo duramente e con grande entusiasmo per raggiungerla.

Grazie per aver contribuito a questi risultati.
Vi rinnoviamo la nostra totale disponibilità a crearne, insieme, molti altri.

Francesco Nazari Fusetti
CharityStars, founder

 

 

Nasce “.gay”, il dominio di primo livello della comunità LGBTQ

Il target LGBTQ costituisce una nicchia di mercato appetibile per le grandi aziende. E la possibilità di registrare la propria attività legandola direttamente (anche) al mondo gayfriendly, rappresenta un’ulteriore opportunità di sviluppo

Nasce a Bologna la scuola-città (dentro la fiera)

Per il ritorno a scuola (post-covid) degli studenti, è il primo caso di utilizzo di uno spazio fieristico: il progetto di Mario Cucinella è un esempio di riuso adattivo, ma anche di rilancio urbano. Con 75 aule e 1600 studenti