Voucher a fondo perduto per le startup sarde

330 mila euro messi a disposizione dalla Sardegna per le startup innovative. La scadenza del bando è prevista per fine anno

Sardegna Ricerche, nell’ambito del progetto La Sardegna cresce con l’Europa, cofinanziato dall’Unione Europea, ha aperto “Sportello Startup”. Fra le attività di tale programma, dedicato alle startup, che intendono sostenere e rafforzare la competitività delle imprese ad alto contenuto di conoscenza, si ravvisa la presenza di un bando specifico volto all’ottenimento di un contributo (voucher) a copertura delle spese necessarie per il completamento e per le successive fasi di sviluppo del nuovo prodotto, processo o servizio alla base del modello di business adottato dalla startup innovativa.

 

Le risorse per il “Voucher Startup” sono pari a 330.000 euro e saranno incrementate da fondi regionali, nazionali e comunitari. Possono partecipare al bando tutte le startup innovative, iscritte nella sezione speciale del Registro delle imprese, aventi sede legale e operativa in Sardegna, che presenteranno un business plan, illustrando esaustivamente tutte le fasi di sviluppo e un piano di utilizzo del voucher. Questo rappresenterà in dettaglio gli obiettivi che l’azienda si propone di raggiungere.

Il contributo erogato, a fondo perduto, non dovrà superare i 50.000 euro e sarà pari all’85% dei costi rendicontati e ritenuti ammissibili (costi di funzionamento, per investimenti materiali e immateriali, prestazioni di terzi, costi del personale tecnico coinvolto e altri costi connessi allo sviluppo del business plan). Questi aspetti concorreranno alla valutazione di merito che verrà condotta da una Commissione tecnica.

Importante, quindi, evidenziare nel business plan tutti gli aspetti rilevanti: potenzialità tecnologica, sostenibilità economico-finanziaria, capacità tecniche e gestionali dei soggetti e dimostrazione dell’impegno effettivo del team nella realizzazione del progetto, effettiva configurazione della startup, stato di realizzazione.

Seguirà alla valutazione l’incontro con il team proponente e ai soggetti ammessi agli incentivi verrà erogato il contributo con o senza anticipazione. Gli stessi saranno soggetti a una serie di obblighi, enunciati all’art.12 del Regolamento “Voucher Startup”, che dovranno rispettare, pena decadenza dai benefici previsti. Inoltre, la startup costituitasi deve, per i cinque anni successivi, mantenere l’iscrizione alla Camera di Commercio, disporre di una sede o un’unità produttiva attiva nel territorio regionale, non essere in liquidazione e rispettare il codice ATECO ammissibile ai sensi del bando. L’attività sarà quindi soggetta a controlli da parte di Sardegna Ricerche.

Se avete una startup innovativa nel territorio sardo o avete un’idea in mente da realizzare, inoltrate la vostra domanda a Sardegna Ricerche (www.sardegnaricerche-bandi.it). La compilazione avverrà online e dovrete allegare, come detto sopra, domanda di partecipazione, dati dell’impresa, business plan, piano di utilizzo del voucher e un’autorizzazione al trattamento dei dati personali. Avrete tempo fino al 31 dicembre 2014, ma non aspettate a realizzare il vostro sogno. Noi ci siamo anche per aiutarvi a rispettare i requisiti e inoltrare una domanda a regola d’arte.

Marco De Paolis

TeamPro Business – [email protected]

Rimani aggiornato su tutti i bandi per startup su Deal di StartupItalia!

Le 1000 donne che stanno cambiando l’Italia: Unstoppable Women

Da qualche anno stiliamo una lista delle donne da seguire nell’innovazione in Italia: fondatrici, manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno e che potrebbero essere d’esempio per averne molte di più e ogni volta ci meravigliamo della loro numerosità. A questo punto ci aiutate a scovarne 1.000?

Addio biglietti da visita, basta una stretta di mano per scambiarsi i contatti

Basta una stretta di mano per scambiarsi i nuovi contatti e averli direttamente memorizzati in rubrica. Stiamo parlando di Airbusinesscard, il braccialetto smart che manda in pensione i biglietti da visita cartacei

Impossibile Foods: in arrivo il pesce senza pesce

E’ l’ultima novità di Impossibile Foods, l’azienda della Silicon Valley fondata dal biologo molecolare Pat Brown: pesce che ha il sapore di pesce ma pesce non è. Obiettivo, proporre entro il 2035 un’intera gamma di sostituti vegetali per ogni tipo di prodotto a base animale

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.