Venditalia 2014: Intel apre il contest per le startup di vending

Intel Intelligent Vending Competition è il nome del contest che premierà i migliori progetti innovativi nell’ambito del vending. Tempo fino al 1 marzo per partecipare

Intel parteciperà a Venditalia 2014, in programma a Milano (Fiera Milano City), tra il 7 e il 10 maggio 2014, e, per l’occasione, ha lanciato la prima edizione della “Intel Intelligent Vending Competition”, un contest internazionale per premiare le startup e i progetti più innovativi nell’ambito del mercato vending mondiale.

La competizione è aperta a tutti coloro che credono di avere progetti, idee o talento da applicare all’ambito del vending. Per partecipare occorre compilare la domanda online sul portale (https://www.inteleventzone.co.uk/iva-2014/) entro le ore 17 dell’1 marzo 2014. I risultati saranno comunicati il 14 marzo.

Intel ha messo in palio per il team vincitore la partecipazione gratuita a Venditalia 2014. Il team potrà presentare allo stand Intel il progetto per tutta la durata della manifestazione, facendosi conoscere dal vasto pubblico di operatori di settore atteso a questo evento. L’ultima edizione ha, infatti, registrato complessivamente oltre 314 espositori e 20.000 presenze provenienti da 93 paesi, per lo più gestori e fabbricanti di prodotti per la distribuzione automatica.

Attenzione: i progetti saranno valutati tenendo in considerazione alcuni presupposti. Ad esempio, devono comprendere la ricerca di innovazioni tecnologiche nel campo del vending, che possano apportare miglioramenti nella user experience e nelle modalità di relazione uomo-macchina (attraverso touch screen, rich graphic, riconoscimento gestuale, integrazione con i social media, etc.). Possono presentare anche nuovi modelli di business (macchine vending multiprodotto, campagne di prezzo, scontistiche, voucher o coupon, programmi fedeltà, advertising, etc.), l’integrazione di sistemi di pagamento digitali e metodi di transazione (pagamenti contactless, basati su NFC-Near field communication o via smartphone, voucher, etc.).

Il rispetto di tali criteri, stabiliti da Intel, farà sicuramente in modo che il vostro progetto possa essere preso in considerazione e, magari, essere premiato.

Trovate il bando completo sul sito (https://www.inteleventzone.co.uk/iva-2014/contest-rules.php) e, se doveste avere qualsiasi quesito, potete scrivere a [email protected].

Marco De Paolis – Federica Taddei

Team Pro Business

[email protected]

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.