120 mila euro a chi ci fa divertire

Apre il Disney Accelerator per le startup del settore media ed intrattenimento. Tempo fino al 16 aprile per mandare la candidatura al programma

Disney Accelerator, promosso da Techstars, punta sugli innovatori tecnologici nell’ambito media e intrattenimento. Disney sta, infatti, cercando nuove idee, che possano trasformare o, persino, stravolgere il mondo dell’entertainment; idee chiare e, magari proposte da un team già strutturato, che sia in grado di renderle esecutive.

Per fare ciò le startup selezionate non saranno sole, perché Disney fornirà loro assistenza tecnica e di progettazione.

Gli startupper per tre mesi soggiorneranno nell’area di Los Angeles e lì potranno sostenere una serie di colloqui one to one con business angel, venture capitalist, banche di investimento, oltre ad una consulenza personalizzata con imprenditori, mentor e tutor che seguiranno i progetti in tutte le fasi.

Ogni startup, ammessa al programma di accelerazione, otterrà un capitale di investimento pari a 120.000 dollari. Inoltre potrà accedere a tutte le risorse e il network creato dalla Walt Disney Company (ad es. The Walt Disney Studios, Disney Animation, Pixar, Marvel, Lucasfilm, ESPN, ABC, Walt Disney Parks and Resorts, Disney Consumer Products, Disney Interactive).

Potrà collaborare direttamente con la rete di TechStars; da giugno a fine settembre potrà avvalersi della consulenza dei migliori professionisti, offerta da Disney e, infine, parteciperà all’Investor Day Demo, nel mese di settembre, momento topico dell’esperienza in cui si potrà presentare la propria azienda e il proprio prodotto/servizio ai maggiori leader dell’entertainment e ai grandi investitori.

Le domande possono essere presentate fino al 16 aprile 2014, compilando l’application form, nella quale dovranno essere fornite le informazioni principali circa la startup, il prodotto, la sua fattibilità e i costi. Potranno essere caricati anche eventuali video di presentazione.

Potrete porre le vostre domande o esprimere le vostre perplessità al seguente link:

http://www.f6s.com/disneyaccelerator2014#/discuss.

Se avete bisogno di consigli sull’idoneità del vostro progetto, non esitate a contattarci.

Marco De Paolis – TeamPro Business

[email protected]

Per rimanere aggiornato su tutti i bandi in scadenza, segui i Deal di StartupItalia!.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Le migliori università in Italia per studiare informatica

Il corso di Laurea in Informatica mira a preparare figure professionali dotate di conoscenze nei vari settori delle scienze e tecnologie dell’informazione. Il Censis recensisce le università migliori in tutta Italia. Ecco le classifiche per lauree triennali e biennali.

Huawei Ascend 910, antipasto AI prima di IFA

Nuovo processore dedicato all’intelligenza artificiale, nuovo framework open source Mindspore per lo sviluppo di algoritmi ad alto tasso di parallelismo. In attesa del SoC per smartphone che sarà lanciato a Berlino

I cartoni animati nel piatto: l’idea creativa di una mamma per traformare il cibo in opera d’arte

Da Spongebob alla regina cattiva di Biancaneve: Laleh Mohmed investe la sua creatività per trasformare i piatti dei suoi bambini in composizioni colorate che si mangiano con il sorriso

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.