30 milioni di euro per rilanciare l’economia lombarda

Finanziamenti diretti e contributi a fondo perduto per la nascita di startup e il rilancio delle imprese già esistenti: è il bando “Startup e re-start” della Regione Lombardia

La Regione Lombardia, stanziando 30 milioni di euro, tramite il bando “Startup e re-start”, intende favorire la nascita di nuove imprese e rilanciare quelle esistenti mediante la concessione di finanziamenti diretti, a tasso agevolato di medio termine, e di contributi a fondo perduto.

Possono partecipare al programma STARTUP gli aspiranti imprenditori, le startup innovative o le piccole-medie imprese, iscritte a una Camera di Commercio lombarda da non più di 24 mesi. Al programma RESTART, invece, possono avere accesso piccole-medie imprese, che vogliano realizzare uno spinoff o una newco, le imprese sociali e le PMI con un piano di rilancio aziendale o che hanno attivato o attiveranno un rapporto di collaborazione con un soggetto terzo, il quale assume o assumerà un ruolo di responsabilità all’interno dell’impresa. Tutte, necessariamente, devono avere almeno una sede operativa/un domicilio fiscale in Lombardia.

Gli interventi previsti dal programma si possono dividere in tre fasi:

  1. presentazione e valutazione dei business plan da parte dei soggetti beneficiari (a quelli selezionati verrà riconosciuto un contributo a fondo perduto di 5.000 euro per spese forfettarie generali sostenute per l’avvio/rilancio d’impresa);

  2. presentazione e valutazione dei programmi d’investimento da parte dei soggetti beneficiari selezionati nella prima fase, i quali avranno accesso a un finanziamento per le spese ammesse, sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda. In questo caso, il finanziamento sarà a medio termine con un tasso agevolato (0,5%) fino al 100% dell’investimento ammissibile. Per “ammissibili” si intendono spese quali l’acquisto di beni strumentali, l’impiantistica generale, l’acquisto di marchi, brevetti, know how e software;

  3. presentazione e valutazione della richiesta dei servizi di affiancamento (consulenza e logistica) da parte dei soggetti beneficiari selezionati nella prima fase.

Se volete partecipare avete tempo fino all’esaurimento delle risorse disponibili, presentando la vostra domanda online all’indirizzo https://gefo.servizirl.it.

Se necessitate di  assistenza tecnica per la vostra candidatura, scriveteci e saremo a vostra disposizione per aiutarvi.

Marco De Paolis – TeamPro Business

[email protected]

Rimani aggiornato su tutti i bandi in scadenza, segui i Deal di StartupItalia!

Tutti i numeri del crowdfunding in Italia. E i consigli di chi lo studia. «L’idea vincente? Trasformare gli investitori in ambasciatori»

Più campagne, più portali, più investitori. E il tasso di successo si mantiene elevato. Il Politecnico di Milano presenta il quarto rapporto italiano sul crowdinvesting. Intervista a Giancarlo Giudici, direttore dell’Osservatorio Crowdinvesting

Gli studenti di Benevento conquistano il terzo posto nella competizione europea di educazione imprenditoriale

Con la loro startup Farm Animal Trade, gli studenti dell’ITIS Lucarelli di Benevento si aggiudicano la medaglia di bronzo della Junior Achievement Europe Company of the Year Competition, la competizione europea di educazione imprenditoriale

Pagamenti elettronici, i vantaggi del contactless

Praticità, sicurezza e convenienza spingono la diffusione dei New Digital Payment: tra cui spicca il pagamento a mezzo NFC. L’esempio di Visa, tra partnership e difesa del consumatore

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv