Imprenditoria e occupazione giovanile: i due cardini del bando Unioncamere

Scadenza il 5 maggio per il bando promosso da Unioncamere che guarda alle persone con età inferiore ai 40 anni. 38 mila euro a disposizione per ogni azienda

«C’è un’Italia fatta di uomini e donne che hanno il coraggio di rischiare. C’è un’Italia fatta di giovani che sceglie di fare impresa e investe denaro, intelligenze e relazioni per diventare imprenditore. C’è chi imprenditore nasce e sceglie di proseguire nell’azienda di famiglia. E c’è chi imprenditore diventa partendo da zero. E c’è chi è tutto questo e fa impresa con coraggio e capacità di innovare dando un formidabile contributo alla crescita di tutto il Paese». Inizia così il Bando promosso da Unioncamere per sostenere l’imprenditorialità e l’occupazione giovanile, incrementando visibilità e reputazione delle imprese innovative, fondate o guidate da giovani con età inferiore ai 40 anni, la valorizzazione del loro talento con meccanismi virtuosi di best practice aziendali in grado di stimolare ulteriore innovazione, competitività e creazione di nuove progettualità sul territorio.

Al bando possono partecipare tutte le imprese con sede legale in Italia, iscritte nel Registro delle Imprese o presenti nel REA (Repertorio Economico Amministrativo).

La candidatura deve essere presentata e firmata da un giovane imprenditore o manager/dirigente aziendale, con età inferiore ai 40 anni, che nell’azienda candidata al premio si è personalmente distinto facendosi promotore e/o facilitatore di un processo di innovazione.

È possibile candidarsi tramite il sito internet (www.innovatoridimpresa.it) entro il 5 maggio 2014: verrà chiesto il caricamento di documenti ed allegati che descrivano l’innovazione proposta, il vantaggio e il collocamento sul mercato rispetto alla concorrenza.

La valutazione prenderà in considerazione le performance economiche e produttive dell’azienda, il miglioramento della qualità della vita delle persone che ci lavorano, i vantaggi sul territorio e sul mercato in cui l’impresa opera, grazie all’applicazione dell’idea innovativa proposta.

Le tre categorie di premio previste sono per:

a) la migliore innovazione nei servizi alle imprese e alla persona;

b) la migliore applicazione di nuove tecnologie, processi, strumenti o all’applicazione dei risultati della ricerca ai settori del made in Italy;

c) la migliore innovazione d’impresa con un forte valore “connettivo” (logistica, servizi di comunicazione, strumenti di collaborazione tra imprese).

Il valore di ciascun premio sarà di massimo 38.000 euro e servirà a garantire l’assunzione per un anno di uno o più collaboratori per implementare i contenuti dell’innovazione.

Per domande generali potrete trovare le risposte nell’apposita area FAQ disponibile sul sito internet (www.innovatoridimpresa.it).

Per verificare l’idoneità della vostra idea innovativa o per segnalare un’innovazione di un’impresa, che pensate possa partecipare al bando, scriveteci a [email protected].

Marco De Paolis – Team Pro Business

Le 1000 donne che stanno cambiando l’Italia: Unstoppable Women

Da qualche anno stiliamo una lista delle donne da seguire nell’innovazione in Italia: fondatrici, manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno e che potrebbero essere d’esempio per averne molte di più e ogni volta ci meravigliamo della loro numerosità. A questo punto ci aiutate a scovarne 1.000?

Addio biglietti da visita, basta una stretta di mano per scambiarsi i contatti

Basta una stretta di mano per scambiarsi i nuovi contatti e averli direttamente memorizzati in rubrica. Stiamo parlando di Airbusinesscard, il braccialetto smart che manda in pensione i biglietti da visita cartacei

Impossibile Foods: in arrivo il pesce senza pesce

E’ l’ultima novità di Impossibile Foods, l’azienda della Silicon Valley fondata dal biologo molecolare Pat Brown: pesce che ha il sapore di pesce ma pesce non è. Obiettivo, proporre entro il 2035 un’intera gamma di sostituti vegetali per ogni tipo di prodotto a base animale

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.