1300 idee di startup: così si chiude la call di Working Capital

41 grant da 25 mila euro destinati alle startup di tutta Italia. I selezionati entreranno a far parte del programma di accelerazione di Working Capital, presente in 4 città italiane

Lunedì sera, a mezzanotte in punto, si è chiusa la Call for Ideas 2014 di Working Capital. La passione, il desiderio d’innovazione e l’entusiasmo si riflette nel numero di progetti proposti. Sono state oltre 1.300 le idee d’impresa caricate e un totale di 1.600 registrati. E non tutte provenienti dai confini del bel paese. Per la prima volta, infatti, #Wcap ha lanciato una Call internazionale e la risposta non si è fatta attendere.

Il 26 Maggio, a sorpresa, Working Capital ha deciso d’istituire un quarantunesimo Grant da aggiungere ai 40 iniziali. Questa special mention è stata denominata #FunkyGrant, in ricordo del Funky Professor Marco Zamperini, uno dei pionieri del web italiano prematuramente scomparso nel 2013.

Da ieri è iniziata l’analisi di tutti i progetti per selezionare i 40 (+1) a cui consegnare il Grant da €25.000 e che verranno ospitati negli spazi di Working Capital per sviluppare il loro progetto in vista dell’ingresso sul mercato. Il percorso di accelerazione durerà da Luglio a Ottobre presso uno di 4 acceleratori #Wcap e, durante questo tempo, le startup seguiranno i corsi previsti ed entreranno ufficialmente a far parte dell’Albo Veloce del Gruppo Telecom Italia.

La lista dei team selezionati sarà annunciata tra fine Giugno ed inizio Luglio.

Ti potrebbero interessare anche:

Dettori: “L’essenza delle startup sono i giovani che si mettono in gioco”

Laura Boldrini a WCap: “Ricerca e nuove idee: così si esce dalla crisi”

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I cartoni animati nel piatto: l’idea creativa di una mamma per traformare il cibo in opera d’arte

Da Spongebob alla regina cattiva di Biancaneve: Laleh Mohmed investe la sua creatività per trasformare i piatti dei suoi bambini in composizioni colorate che si mangiano con il sorriso

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.