500 mila euro dall'ESA per le tecnologie spaziali

Tempo fino all’8 settembre per partecipare al bando ESA Bic Lazio. In palio massimo 50 mila euro a progetto e due anni di incubazione a Roma

Ci sarà tempo fino all’8 settembre 2014 per la ricezione delle proposte per la terza campagna di selezione di ESA BIC LAZIO. Si tratta di un progetto del Programma di Trasferimento Tecnologico dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) finalizzato a facilitare l’utilizzo di tecnologie e sistemi spaziali per applicazioni (prodotti e/o servizi) innovative commerciali.

Possono partecipare al bando aspiranti imprenditori, ricercatori, professori e personale tecnico di organismi di ricerca pubblici, privati e di università e imprese in fase di startup (costituite da non più di 5 anni).

I candidati devono appartenere ad uno degli stati membri di ESA (Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera, Regno Unito), essere disposti ad avviare nel Lazio la propria attività imprenditoriale e avere idee innovative, che intendano applicare soluzioni tecnologiche sviluppate per lo spazio, in settori diversi.

Le risorse stanziate ammontano complessivamente a 500 mila euro, messe interamente a disposizione da ESA e da ASI. Ad ogni progetto selezionato spetterà un massimo di 50 mila euro, per i costi legati allo sviluppo del prodotto o del servizio e alla relativa tutela della proprietà intellettuale.

Ai vincitori saranno garantiti altresì i seguenti servizi: l’ospitalità per due anni a Roma presso l’Incubatore ITech di BIC Lazio ed il tutoraggio imprenditoriale e tecnico, oltre al supporto per accedere ad altri strumenti di finanziamento.

Le domande devono essere presentate tramite posta elettronica ([email protected]) o con raccomandata a.r. indirizzata a BIC Lazio Spa, Incubatore ITech, Via Giacomo Peroni 442-444, 00131 Roma.

Chi ha un know how e/o tecnologie di derivazione spaziale e le vuole utilizzare in altri settori di attività può partecipare a questo bando che gli permetterà di trovare le risorse e competenze giuste per realizzare un nuovo prodotto o servizio innovativo.

Marco De Paolis

 

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.