Arcuri (Invitalia): “Ecco perché non abbiamo finanziato C3DNA”

Pubblichiamo la risposta dell’Amministratore delegato di Invitalia all’articolo di StartupItalia.

imageLa società C3DNA, oggetto dell’articolo sul sito Startupitalia.eu, non ha mai presentato domanda di ammissione alle agevolazioni Smart&Start, e non avrebbe potuto, essendo una società di diritto statunitense fondata nel 2013.

Gli ingegneri Giovanni Morana e Daniele Zito, citati nell’articolo come i promotori di C3DNA, sono anche i due soci della Aucta Cognitio S.r.l., start-up innovativa con sede a Catania, che ha presentato domanda di agevolazione Smart&Start il 23/09/2013.

Oggetto del progetto presentato dalla Aucta Cognitio S.r.l. è laprogettazione, sviluppo, produzione e commercializzazione di una gamma flessibile di servizi orientati sia al cloud-computing (Iaas, Paas, Saas) sia ai nuovi mercati applicativi. Il progetto prevede investimenti per € 245.501,00 e spese di funzionamento per i primi 4 anni pari ad € 256.728,00.

Nel progetto della Aucta Cognitio S.r.l., C3DNA si configura come il cliente principale di uno dei tre prodotti di Aucta Cognitio.

La domanda presentata dalla Aucta Cognitio S.r.l. è stata proposta alla valutazione del Comitato Tecnico. La proposta di ammissione alle agevolazioni prevedeva un contributo totale pari a € 237.576,00.

Il Comitato Tecnico, nella riunioni del 23/01/2014 e del 27/02/2014, non ha approvato la proposta di ammissione chiedendo di chiarire:

1)                   le differenze tra il portafoglio prodotti di Aucta Cognitio e C3DNA;

2)                  le correlazioni tra Aucta Cognitio e C3DNA;

3)                  ruolo e profilo dei fornitori.

Nella riunione del 17/04/2014, esaminate le integrazioni inviate dalla proponente, il Comitato Tecnico ha rigettato la domanda di agevolazione, non essendo stati chiariti i legami tra la Aucta Cognitio (che richiede agevolazioni pubbliche) e la società statunitense C3DNA, evidenziando altresì criticità sui seguenti aspetti:

·         potenzialità del mercato di riferimento, del posizionamento strategico del relativo business, delle strategie di marketing;

·         sostenibilità economica e finanziaria.

In data 10/06/2014 il Comitato Tecnico ha deliberato definitivamente la non ammissione alle agevolazioni della domanda presentata dalla Aucta Cognitio S.r.l. in quanto le controdeduzioni inviate non sono state ritenute sufficienti  a superare i profili di criticità evidenziati.

Domenico Arcuri,

Amministratore delegato di Invitalia

Ringraziamo Domenico Arcuri per la precisazione. 

È vero, i ragazzi di Catania hanno partecipato al bando Smart&Start 2013 come Aucta Cognitio, con l’idea di strutturarsi in Sicilia, pagare stipendi ai ricercatori qui, creando un pezzo della neonata C3DNA in Italia. Morana e Zito mi hanno confermato di aver spiegato diverse volte i rapporti tra le due società fornendo tutta la documentazione necessaria, dicendosi pronti a fornirmi delle email che chiariscono tutti i passaggi.

Di fondo però c’è che ora Aucta Cognitio e C3DNA fanno le stesse cose, sono le stesse persone. Un passaggio che è vero, non è stato esplicitato, ma che in sostanza conferma che la commissione nominata da Invitalia non ha ritenuto convincenti le loro idee, il loro business plan, e le potenzialità di mercato. 

Raccontare storie come la loro ci fa muovere su un terreno assai scivoloso. Il rischio di alimentare il clima di sfiducia nelle istituzioni, anche quando fanno del loro meglio per far migliorare il Paese, è alto. Ma il nostro spirito, e non da ora, vuole essere costruttivo. Abbiamo voluto pubblicarla perché racconta di un’Italia viva, fiera, che rappresenta un’avanguardia nel mondo, che fa cose pioneristiche difficili da valutare anche per degli esperti chiamati a finanziare chi fa innovazione nel nostro Paese. Arcangelo Rociola. 

 

 

Robot per le Pmi italiane in arrivo dal Politecnico di Milano

Il Politecnico di Milano supporta lo sviluppo di robot e veicoli a guida autonoma per l’industria manifatturiera europea. Ma attenzione: nei prossimi tre anni bisognerà formare più di 120 milioni di lavoratori.