wineOwine chiude un round da 300mila euro: Ora puntiamo all’estero

La startup che vende online bianchi e rossi introvabili ottiene un finanziamento da LVenture Group e da altri fondi d’investimento italiani e stranieri

wineOwine, il portale di vendita vini online che propone vini introvabili selezionati fra piccole cantine artigianali italiane, continua a riscontrare il gradimento del pubblico, degli investitori e raccoglie nuovi finanziamenti.  L’idea di wineOwine è nata da due ragazzi abruzzesi, Federico Laurentino De Cerchio ed Eros Durante, amici d’infanzia ed entrambi amanti e conoscitori del mercato del vino. Il team di lavoro è composto da altri 5 ragazzi tutti under 30. Lo scorso dicembre la startup è stata selezionata da Luiss Enlabs, il programma di accelerazione riservato alle imprese innovative ottenendo un primo investimento.
Oggi wineOwine continua la sua corsa e ha raccolto altri 300 mila euro da finanziatori privati, confermando il grandi interesse da parte degli investitori per un settore portante dell’economia italiana: il vino.
Fra i finanziatori ci sono: LVenture Group, holding di venture capital quotata alla Borsa Italiana, e altri fondi d’investimento italiani e stranieri.
«E’ un finanziamento che ci permette di inseguire le nostra ambizioni: diventare il principale player per la nostra nicchia di mercato – ha dichiarato Federico De Cerchio, CEO e Co-Founder di wineOwine – e accelerare il processo di internazionalizzazione».

wineowine

Federico De Cerchio ed Eros Durante, entrambi founder di wineOwine

L’obiettivo della startup è di salvaguardare l’ecosistema dei piccoli produttori di vino italiani offrendo visibilità alle cantine di ridotte dimensioni e permettendogli di vendere i loro prodotti a livello nazionale e presto internazionale. Il consumatore viene così accompagnato in un viaggio alla scoperta di nuovi prodotti e territori.

wineOwine propone etichette accuratamente selezionate da un team di enologi rendendo l’acquisto e la scelta del vino facile e alla portata di tutti. Il sito si rivolge non soltanto ad esperti, ma anche ad appassionati, curiosi e semplici amanti del vino: un mercato di grandi dimensioni che continua a crescere e che solo in Europa vale oltre 150 miliardi di Euro.

In Italia ci sono oltre 200.000 produttori, centinaia di vitigni autoctoni, denominazioni e aree produttive diverse. Migliaia di piccoli produttori hanno grandi difficoltà a far conoscere le proprie eccellenze al grande pubblico e i consumatori non hanno la possibilità di acquistare i loro prodotti perché difficilmente reperibili fra gli scaffali della grande distribuzione o nell’enoteca sotto casa.

Proprio per risolvere questo problema e avvicinare gli amanti del vino agli artigiani dell’uva è nata wineOwine: selezionare in giro per l’Italia etichette di alta qualità, dando risalto ai piccoli produttori. Sul portale ogni utente ha la possibilità di acquistare vini introvabili, bottiglie numerate e selezioni esclusive. Ogni settimana sono proposte nuove etichette, stimolando la curiosità del consumatore e dando la possibilità a produttori sempre diversi di farsi conoscere.

LA STARTUP 

Ogni bicchiere di vino è una storia da raccontare. Dietro ogni piccola cantina ci sono scelte di vita, passione, anni fatti di attesa e sperimentazione. E gusto. L’Enoteca online wineOwine è una startup che ha scelto non solo di vendere vino, ma di mettere sul tavolo il dietro le quinte. Quello che non si vede quando stappi una bottiglia, ma che è lì, tra naso, bocca e cervello. E cuore, naturalmente. Piccoli produttori è la parola magica di wineOwine: un approccio slow che permette campagne mirate e per brevi periodi e molta attenzione.

wineowine

La startup è nata a dicembre 2013 dall’intuizione di due amici: Federico De Cerchio ed Eros Durante entrambi abruzzesi. E’ accelerata a EnLabs, in via Giolitti 34, ma ha il suo quartier generale (ovvero la cantina) in Abruzzo, a Villa Magna, in provincia di Chieti. A marzo 2014 i ragazzi di wineOwine hanno acceso il portale, prima in versione beta privata, poi pubblica. Hanno lanciato anche la loro prima campagna. «Il portale sta girando. Abbiamo clienti in tutta Italia. L’obiettivo è di offrire visibilità alle cantine di ridotte dimensioni, raccontando le loro storie e accompagnando il consumatore in un viaggio emozionale alla scoperta di nuovi prodotti e aree geografiche sconosciute» ha precisato sempre Federico De Cerchio. Vini di nicchia al miglior prezzo e ogni due settimane etichette diverse. «Le campagne di vendita hanno così una durata limitata e c’è sempre a disposizione qualcosa di nuovo, da sperimentare. Bisognava pensare ad un modo per innovare anche nei settori più tradizionali» ha aggiunto Federico.

Dietro ogni selezione c’è un percorso, alla fine del quale un vino può o meno finire nel catalogo di wineOwine.  «Andiamo in giro per l’Italia a caccia di cantine. Una volta individuato un prodotto lo mandiamo alla nostra squadra composta da due enologi e un sommelier. La degustazione avviene alla cieca: nessuno sa del prezzo, della provenienza né della cantina da cui viene il vino» ha spiegato Simone Capobianco, responsabile marketing. Simone traccia anche la strada: «L’obiettivo è andare all’estero, portando il vino dei piccoli produttori fuori dall’Italia. Un anno, al massimo un anno e mezzo e ce la facciamo».

IL TEAM 

La squadra di wineOwine è composta da 7 ragazzi. Tra loro: Federico De Cerchio, CEO e Co-Founder, Eros Durante, CTO e Co-Founder, Simone Capobianco, CMO, Martina Giustiniano, Web Content Editor.

Gli studenti di Benevento conquistano il terzo posto nella competizione europea di educazione imprenditoriale

Con la loro startup Farm Animal Trade, gli studenti dell’ITIS Lucarelli di Benevento si aggiudicano la medaglia di bronzo della Junior Achievement Europe Company of the Year Competition, la competizione europea di educazione imprenditoriale

Canon affida al crowdfunding la sua nuova action cam indossabile

Non solo le startup, ma anche i colossi si affidano al crowdfunding. E’ il caso di Canon che ha scelto di affidare la nascita della nuova camera ultracompatta e indossabile a una campagna di crowdfunding su Indiegogo, che nel giro di poco va in sold out

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv