Da INCENSe 150 mila euro alle startup green. Fino al 15 gennaio

Il programma Internet Cleantech ENablers Spark promuove l’innovazione e la crescita dell’occupazione tecnologica nel settore energetico. Ecco le info per partecipare

Enel è coordinatore del progetto europeo INCENSe, che sta per Internet Cleantech ENablers Spark, che ha l’obiettivo di promuovere l’innovazione e la crescita dell’occupazione tecnologica nel settore energetico attraverso lo sviluppo dei prodotti e servizi legati alle tecnologie verdi. Fino al 15 gennaio 14 startup potranno fare la domanda per ottenere 150 mila euro a fondo perduto. Per il progetto sono stati stanziati 8 milioni di euro. Si può inviare l’application direttamente sul sito: http://www.fundingbox.com/p/incense/

incense

Nell’ambito di INCENSe saranno lanciati due bandi, uno già aperto ad ottobre 2014 e l’altro a giugno 2015, per la selezione delle migliori startup. Le aziende avranno tempo fino al 15 gennaio 2015 per rispondere al primo bando ed entrare a far parte delle prime 14 startup selezionate (su 42). I bandi si svilupperanno attraverso la piattaforma FundingBox creata per mettere in collegamento i progetti delle start-up con finanziatori e mentori, e le proposte saranno inizialmente analizzate da un gruppo di esperti esterni; per poi passare al vaglio del comitato di valutazione di INCENSe.

INCENSe ha l’obiettivo di spingere crescita e occupazione nel settore energetico. Rientra nel programma Fiware voluto dalla Commissione Europea che cofinanzia parte del budget, ed è l’unico fra i 16 sponsorizzati da Bruxelles completamente dedicato e indirizzato al mondo green.

Sul piatto ci sono un programma di incubazione lungo sei mesi, sezioni di training con esperti del settore, workshop su programmi di finanziamento europei, accesso ai progetti specifici in Spagna (Smart City e Zem2All a Malaga), Danimarca (Next Step City Living Lab in Esbjerg) e Italia, così come incontri con investitori specializzati e business angel. Non ultimo, un canale di accesso privilegiato alla prossima edizione di Enel Lab, l’incubatore d’impresa di Enel, e al Next Step Challenge, quello di Accelerace.

Otto i settori per i quali è aperta la caccia: efficienza energetica e domotica, energie rinnovabili, smart grid, accumulo di energia, soluzioni avanzate per la diagnosi e l’automazione, mobilità elettrica, sicurezza informatica e digitalizzazione attraverso l’ICT. Temi che all’approccio ambientale intrecciano come è evidente decine di sviluppi possibili differenti.

Oltre Enel, partecipano al programma Endesa, Accelerace e FundingBox Accelerator. Il progetto INCENSe è stato presentato in occasione della Conferenza europea sull’internet del futuro che si è svolta a Monaco, in Germania, il  17 settembre, ed è l’unico acceleratore dedicato esclusivamente alle aziende della clean technology tra i 16 incubatori d’impresa sostenuti dalla Commissione Ue attraverso il programma FIWARE.

L’obiettivo di INCENSe è di contribuire alla crescita di un massimo di 42 startup impegnate nello sviluppo di prodotti e servizi innovativi legati alle tecnologie verdi. Le giovani aziende potranno contare sugli strumenti messi a disposizione da FIWARE, ossia le tecnologie internet-based sviluppate dal programma comunitario Future Internet Public Private Partnership (FI-PPP).  

Le startup vincitrici riceveranno un contributo a fondo perduto di 150 mila euro e potranno contare sul supporto da parte delle aziende partner di INCENSe per un programma di incubazione di 6 mesi, sezioni di training con esperti del settore, appositi workshop su programmi di finanziamento europei, accesso ai progetti specifici in Spagna (Smart City e  Zem2All a Malaga), Danimarca (Next Step City Living Lab in Esbjerg) e Italia, così come la partecipazione ad incontri di presentazione dei progetti con investitori specializzati.

Inoltre le aziende selezionate avranno un canale di accesso privilegiato al processo di selezione della prossima edizione di Enel Lab, l’incubatore d’impresa di Enel, e al Next Step Challenge, di Accelerace.

 

 

Le 1000 donne che stanno cambiando l’Italia: Unstoppable Women

Da qualche anno stiliamo una lista delle donne da seguire nell’innovazione in Italia: fondatrici, manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno e che potrebbero essere d’esempio per averne molte di più e ogni volta ci meravigliamo della loro numerosità. A questo punto ci aiutate a scovarne 1.000?

Addio biglietti da visita, basta una stretta di mano per scambiarsi i contatti

Basta una stretta di mano per scambiarsi i nuovi contatti e averli direttamente memorizzati in rubrica. Stiamo parlando di Airbusinesscard, il braccialetto smart che manda in pensione i biglietti da visita cartacei

Impossibile Foods: in arrivo il pesce senza pesce

E’ l’ultima novità di Impossibile Foods, l’azienda della Silicon Valley fondata dal biologo molecolare Pat Brown: pesce che ha il sapore di pesce ma pesce non è. Obiettivo, proporre entro il 2035 un’intera gamma di sostituti vegetali per ogni tipo di prodotto a base animale

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.