Unicredit e H-Farm investono 100 mila euro in Travel Appeal

Buona notizia sul fronte delle startup del turismo: per Trave Appeal, la startup, che ha come mission studiare i numeri del turismo per eliminarne i freni e miglioralo, una grande opportunità di crescita

UniCredit investe 100 mila euro in Travel Appeal. Dopo dal lancio del programma di accelerazione UniCredit Start Lab, promosso da UniCredit per favorire lo sviluppo delle startup, la banca ha erogato questa mattina il suo secondo investimento a favore dell’azienda nata in H-FARM Ventures. Il primo è stato lo scorso dicembre e a favore di Qurami (150mila euro). Dopo l’acquisto di Map2App da parte di Bravofly, è la seconda buona notizia dal mondo delle startup del turismo nel 2015.

travel-appeal-140903134214_medium

Investimento con H-FARM

L’investimento di UniCredit avviene in compartecipazione con H-FARM Ventures, piattaforma nata con l’obiettivo di aiutare giovani imprenditori nel lancio di iniziative innovative e supportare la trasformazione delle aziende italiane in un’ottica digitale.

«Siamo felici di poter sostenere, con questo secondo investimento, una delle startup coinvolte nel nostro programma di accelerazione UniCredit Start Lab – ha osservato Gabriele Piccini, Country Chairman Italy di UniCredit. – Favorire l’innovazione e accompagnare le realtà imprenditoriali che ne fanno un pilastro della propria attività vuole essere per noi un segno distintivo. A maggior ragione quando ci troviamo di fronte a idee in grado di valorizzare aspetti ritenuti universalmente caratteristici del made in Italy come il turismo, l’ospitalità e la ristorazione».

«Siamo molto contenti che UniCredit abbia deciso di investire con noi nelle potenzialità di quest’iniziativa. Il travel index è uno strumento molto potente per aiutare il mondo del turismo a posizionare la propria offerta e per i territori per far emergere la bellezza del nostro Paese. Oggi è importantissimo recepire i consigli dei viaggiatori e agire immediatamente per migliorare l’offerta. Travel Appeal può rivelarsi fondamentale per contribuire a migliorare la percezione del nostro territorio» ha osservato Riccardo Donadon, fondatore di H-FARM Ventures.

Un’opportunità di crescita per Travel Appeal

L’investimento di UniCredit permetterà una ulteriore crescita di Travel Appeal: società nata nel 2014 dall’idea di Mirko Lalli con l’obiettivo di offrire al settore turistico italiano, attraverso l’analisi dei Big Data, gli strumenti per monitorare e gestire la loro reputazione digitale e per migliorare le eventuali criticità.

«Siamo convinti che si possa migliorare solo quello che si conosce approfonditamente – ha osservato Mirko Lalli, CEO e Founder di Travel Appeal. – per questo abbiamo pensato di costruire uno strumento che raccoglie tutti i dati su come sono percepite le destinazioni, le strutture turistiche, i beni culturali e i trasporti, in modo da avere un’idea chiara di quello che funziona e di quello che invece sarebbe necessario cambiare. Dopo solo un anno siamo già sul mercato con un prodotto pensato per migliorare la reputazione e la comunicazione digitale delle strutture alberghiere.»

La strategia di Unicredit: co-investire in startup

La possibilità di co-investimenti è solo uno dei servizi messi a disposizione da UniCredit Start Lab a favore delle startup selezionate, che possono usufruire anche dei programmi di:

  1. training manageriale con Bootcamp, Startup Academy e Social Media Day.
  2. mentorship, tramite cui viene assegnato un mentor del network di UniCredit a ogni startup.
  3. Networking, che UniCredit è in grado di offrire mediante l’organizzazione di Business Meetings ed incontri su settori specifici tra Startup e aziende Corporate interessate all’Open Innovation.

È stata presentata 30 gennaio l’edizione 2015 di UniCredit Start Lab, che annovera tra le principali novità una attenzione particolare alle agevolazioni messe a disposizione da UniCredit grazie al Fondo Centrale di Garanzia per le Startup innovative; le startup che desiderino partecipare all’edizione 2015 di UniCredit Start Lab potranno iscriversi sino al 30 aprile sul sito.

Ti potrebbe interessare anche

Bravofly scatenata: dopo Map2App compra Lastminute.com

Sabre Corporation e Bravofly Rumbo Group annunciano che Bravofly Rumbo Group ha finalizzato l’acquisizione di Lastminute.com, per la quale aveva presentato un’offerta vincolante nel dicembre 2014.

Exit per Map2App acquistata da BravoFly (Volagratis.com)

Map2App, startup italiana che crea app di guide turistiche, è stata acquistata dal gruppo svizzero Bravofly (in Italia Volagratis.com), una delle principali agenzie di viaggi online. I termini dell’acquisizione non sono stati rivelati, ma secondo quanto è trapelato da fonti vicine all’operazione dovrebbe trattarsi di un’acquisizione soprattutto del team che compone la startup nata nel 2011…. Read more »

Cassa Depositi e Prestiti diventa venture: pronti 50 milioni per le startup

Il Fondo Italiano d’Investimento avviato il nuovo fondo di venture capital lanciato su iniziativa della Cassa Depositi e Prestiti. Articolato in 4 progetti di fondi venture capital, prevede un finanziamento di circa 50 milioni

Unicredit investe 150mila euro su Qurami, l’app tagliacode

L’investimento avviene in compartecipazione con LVenture Group. Complessivamete la startup chiude un round di investimento di 590 mila euro

AstroSamantha, Barbie e ESA, insieme per ispirare le bambine

A pochi giorni dalle celebrazioni per il 50esimo anniversario dello sbarco sulla Luna, Samantha Cristoforetti, Mattel e l’Agenzia Spaziale Europea continuano la collaborazione per incentivare le bambine di tutta Europa a diventare la prossima generazione di scienziate e astronaute

ElliQ il social robot che fa compagnia agli anziani

ElliQ è il robot di ultima generazione che assiste gli anziani, tiene loro compagnia, li aiuta a mantenersi in forma e a non sentirsi soli. E soprattutto ricorda loro gli appuntamenti e quando è il momento di prendere la medicina

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv