L’algoritmo di una startup per lavorare bene insieme

I ragazzi di Eggup hanno creato un algoritmo per le aziende in grado di individuare le caratteristiche ideali per la formazione di un team selezionando le migliori soft skills.

Una startup italiana ha sviluppato un algoritmo per le aziende che devono assumere personale o riorganizzare in team di lavoro. Si chiama Eggup, ed è romana. Loro la mettono così: «Non sono più solo Google o Facebook ad avere un “algoritmo” che influenza i propri risultati – adesso esiste un algoritmo che permette di valutare la compatibilità del candidato con l’azienda in cui si dovrebbe inserire e che permette la creazione di team ad alto potenziale». I «Un migliore tasso di successo nelle assunzioni, aziende più efficienti, candidati e reparti HR più contenti, persone che trovano opportunità di impiego in ambienti davvero affini al loro modo di essere e operare».

940x320_3

I creatori dell’algoritmo di Eggup sono Cristian De Mitri, 31 anni, ingegnere biomedico, e il suo coetaneo Pietro Testa ingengere informatico.  L’idea di fondo è: in genere in azienda si selezionano persone in base alle loro competenze, i loro “hard skills”. Persone competenti, ma che magari non riescono a integrarsi, a sviluppare il loro potenziale nel team. Perché non hanno i “soft skills”, i tratti caratteriali, di personalità, necessari per funzionare insieme agli altri componenti della squadra. E questo è un problema, specialmente in aziende sempre più votate al lavoro di squadra, dove ogni persona ha un impatto critico.

Eggup mette una piattaforma online nelle mani di aziende e persone.

Permette ai reparti HR e ai manager, attraverso un test erogabile online, di valutare i soft skills dei candidati, la loro compatibilità con il team. Il loro algoritmo si chiama Eggup Matching Engine.

L’azienda può utilizzare Eggup per capire come riorganizzare gruppi di lavoro interni (combinando persone in grado di collaborare efficacemente) oppure per vagliare singoli candidati da inserire in azienda disporre così di uno screening preciso delle sue soft skills, andando oltre le informazioni contenute nel curriculum (generalmente focalizzato sulle hard skills).

Le persone, in rete, possono da parte loro, accedere al servizio, registrandosi gratuitamente attraverso i propri account social (Linkedin, in particolare). Caricano il proprio CV e dopo aver compilato un questionario, sulla base dei risultati, potranno accedere a posizioni lavorative in linea con la propria personalità, oltre che con la propria professionalità. Saranno dunque i possibili tasselli mancanti a team di lavoro già impiegati in contesti aziendali.

Modello di business di Eggup

Eggup ha come modello di business la vendita di subscription alle aziende impegnate nelle attività di ricerca e selezione del personale o nella riorganizzazione o nell’analisi dei team di lavoro presenti in azienda. Eggup nasce nell’ottobre del 2013, a Roma. A Maggio 2014 la piattaforma va online, e oggi conta più di 1000  utenti che hanno avuto modo di testarla. Nel luglio del 2014 entra in TIM #WCAP, il programma di accelerazione d’impresa promosso da Telecom Italia (risultando uno dei 40 progetti vincitori sui 1370 proposti). Primo cliente grosso, appena arrivato. Obbiettivo Lavoro.

A chi si rivolge Eggup

Eggup è pensato per le aziende. Per quelle che si stanno formando e non possono sbagliare nel reclutamento di talenti. Per quelle che devono crescere, inserendo nuove persone. Per quelle che vogliono competere con le proprie risorse riorganizzandole in team di lavoro ad alto potenziale. Per quelle che investono in formazione e che vogliono mappare i punti di forza e i punti su cui migliorare dei propri team produttivi.

Eggup è pensato anche per i candidati che avranno finalmente la possibilità di esprimere tutto il proprio potenziale indipendentemente dalle competenze tecniche possedute. Per Eggup non esistono i best-performer in assoluto ma solo i tasselli mancanti in grado di aggiungere valore a un team esistente.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.