Accordo tra Banzi e Microsoft, Windows 10 apre le porte ad Arduino

L’annuncio di Massimo Banzi: Arduino e Windows insieme. L’accordo siglato ieri a San Francisco tra il colosso americano e la scheda italiana.

Boom! Così Massimo Banzi, uno dei co-fondatori di Arduino, ha annunciato su twitter la nuova collaborazione con Microsoft.

«È questo è solo l’inizio». Una svolta vera. Per un’intera community, quella dei makers. Una parternship, tra giganti, che rilancia l’azienda italiana dopo le amare vicende degli ultimi mesi. L’annuncio arriva da San Francisco, nel mezzo di uno degli eventi più importanti organizzati durante l’anno da Microsoft: Windows 10 è il primo sistema operativo “certificato Arduino” al mondo.

banzi_arduino

E non è una notizia da poco perché l’accordo semplificherà la vita di chi, ogni giorno, usa la scheda italiana più famosa. Come si legge sul blog di arduino: «Combinando le possibilità “hardware” offerte da Arduino e la possibilità “software” di Windows, ora sarà più facile per i makers creare oggetti intelligenti». Rapidità e velocità nel portare avanti e rendere operativi tutti quei progetti che stanno realmente cambiando la nostra contemporaneità, sempre più smart.

Ed è un accordo che non va a minare la natura “open” di Arduino: la comunità degli artigiani digitali, infatti, potrà usufruire concretamente di due piattaforme webWindows Remote Arduino e Windows Virtual Shield for Arduino. Due piattaforme che sono state rilasciate in maniera “open source”, perciò libere per chiunque voglia farne uso.

Windows Remote Arduino

È quel “boom” twittato da Massimo Banzi non è un’esagerazione. Attraverso Windows Remote Arduino, gli sviluppatori potranno avere accesso agli strumenti di Windows 10 come se fossero fisicamente connessi ad un Arduino. Così come potranno abilitare le funzioni della scheda direttamente dalle applicazioni universali windows.

Ma anche Microsoft potrà fare dei grandi passi avanti grazie al talento e alle capacità dei makers. Il gigante americano potrà allargare le modalità d’uso delle sue piattaforme windows sfruttando i comandi arduino, connessi con i device in modalità wireless.

windowsarduino

Da una parte ci sono dunque le grandi funzionalità offerte da Windows 10: dai programmi per lavorare sulle immagini ai riconoscimenti vocali; da quelli che analizzano i siti web a quelli che sviluppano nuove soluzioni per scattare foto (o registrare materiale audio) sempre più professionali; dall’altra le funzionalità garantite da Arduino e la sua capacità di connettere e rendere interattivo il mondo fisico che ci circonda. Due mondi che, una volta uniti, aprono la strada a scenari incredibili. Volete un esempio? Provate a curiosare in questa pagina. Ci sono alcuni progetti in grado di mostrare le potenzialità di un accordo che, siamo sicuri, farà storia.

Eventi digitali da non perdere dal 22 al 28 luglio

Dalla presentazione del libro Viral Marketing a Firenze al Campus Party a Milano passando per il Design Sprint e Meet The Media Guru: tutti gli eventi digitali da non perdere segnalati da Andrea Romoli

N26 raccoglie 470 milioni di dollari

Continua l’ascesa di N26. A seguito del nuovo round di finanziamenti, la banca mobile tedesca, è ora valutata 3,5 miliardi di dollari. A inizio gennaio presentava una valutazione di 2,7 miliardi di dollari

Google insieme a Fondazione Agnelli per la didattica digitale

Lo scopo dell’accordo è mettere a punto progetti per costruire insieme ai docenti italiani strategie e pratiche didattiche innovative con strumenti digitali. L’intervista a Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli

Oppo Reno 5G anche in Italia, su rete TIM

Il top di gamma dei cinesi conta su un display da 6,6 pollici, triplo obiettivo posteriore e camera frontale a scomparsa. La batteria promette bene ma tutto passa dalla connettività 5G. Prezzo in linea con la concorrenza

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv