La startup che ti fa imparare le lingue straniere a cena

Table Babel è una piattaforma di international social dining. Si organizzano cene in lingua straniera per conoscere persone e imparare una lingua straniera

Table Babel è una piattaforma di international social dining. Si organizzano cene in lingua straniera per conoscere persone e imparare una lingua straniera. E’ nata a luglio 2014 da un gruppo di giovani collaboratori con la passione per i viaggi, le lingue straniere e la cucina. L’ idea è stata quella di creare una piattaforma in cui chiunque possa organizzare e condividere il proprio evento culinario (pranzo, cena, brunch, aperitio etc) in una lingua straniera. In casa propria o in un locale pubblico. Agli eventi creati liberamente dai membri della piattaforma si aggiungono gli eventi ufficiali Table Babel organizzati dal team di ambassadors nelle differenti città d’ Italia e quindi coordinati direttamente da noi in partnership con i locali che ci ospitano.

 cena english milano

Chi siete? 

Il nostro team è composto da Helena Geraci, 29 anni, di Catania. Ceo. Andrea Bonanno, 29 anni, catanese. Sviluppatore e responsabile IT. Martina Ricci Gori, 28 anni, di Milano. Business Development & Account. Sarah Geraci, 27 anni, catanese di istanza a Londra. Online Marketing & Social Media.

Come è nata l’idea di Table Bable?

Table Babel è nata dall’ idea di permettere a chiunque di praticare le lingue in modo informale e divertente in momenti di condivisione sociale legati al cibo e la buona tavola, fuori dai “banchi di scuola”. Vogliamo avvicinare le persone di diverse nazionalità e culture alla pratica delle lingue straniere grazie al cibo, e quale momento migliore per mettere in pratica le proprie conoscenze linguistiche se non davanti un buon bicchiere di vino e delle buone pietanze?

Qual’è la particolarità del vostro servizio?

E’ una vera e propria community gratuita in cui tutti gli utenti possono creare i propri eventi culinari in una lingua straniera, ogni evento in una specifica lingua che verrà parlata da tutti partecipanti durante la serata. La particolarità risiede proprio nell’ unicità linguistica di ogni singolo evento, tematizzato culturalmente per permettere a tutti, anche solo per una sera, di immergersi completamente in una differente realtà linguistica e “viaggiare stando fermi”.

Da associazione volete diventare una startup. Perché?

Perché vorremmo strutturarci sempre di più sia a livello di organizzazione interna, in merito ai ruoli e alle attività delle singole risorse finora impiegate, sia a livello commerciale attraverso un modello di business sempre più appetibile sul mercato, attraendo nuovi eventuali investitori.

Pensate di farci dei soldi? Come?

Il modello di business si basa sulle partnership commerciali con i ristoranti e locali di varia tipologia che ospitino i nostri eventi in lingua, organizzati interamente da noi, da cui deriva poi il nostro guadagno sui singolo eventi. A ogni evento infatti una percentuale della quota pagante da ogni partecipante va a Table Babel. Il modello di business principale basato sui fee ottenuti dalle partnership con il settore della ristorazione prevede inoltre nuovi business integrabili dati da partnership con le aziende, sviluppando attività culinarie in lingue straniere per i dipendenti delle aziende come attività di team building e apprendimento linguistico per il personale delle aziende.

Ad oggi che numeri ha Table Bable?

Finora abbiamo organizzato in 8 differenti città: Milano, Roma, Genova, Palermo, Catania, Bologna, Firenze, Verona. Presto anche Napoli e Torino, circa una cinquantina di cene ed altri eventi quali aperitivi, brunch, pranzi e degustazioni. La media dei partecipanti varia da città in città, dai 20/30 partecipanti per le cene e apericene a Milano ai quasi 100 per gli aperitivi e le degustazioni a Catania passando per la trentina su Roma e Verona.

Cercate investitori? Come li convincereste della bontà della vostra idea?

Si assolutamente cerchiamo investitori dato che tutto quello che è stato fatto fino ad adesso è stato completamente autofinanziato. Pensiamo che il nostro business sia molto interessante per un investitore poichè è potenzialmente espandibile e replicabile ovunque, sia in Italia che all’ estero. Si basa su un sistema a rete che grazie alla collaborazione e organizzazione sviluppata dagli Ambassadors su ogni nuovo territorio/città permette di raggiungere qualsiasi luogo in cui ci sia interesse per: 1) il cibo 2) la socialità 3) il parlare le lingue. Si tratta quindi di un modello di business molto flessibile e adattabile a realtà differenti e con delle grosse potenzialità di integrazioni di ulteriori business correlati che leghino cibo/tradizioni culinarie e lingue straniere. Pensiamo inoltre presto a un’espansione del format all’ estero, attraverso l’ organizzazione di eventi culinari in lingua italiana in altri paesi, mettendo così in primo piano attraverso specifici eventi le tipicità della tradizione e cultura gaastronomica italiana sia per le comunità italiane residenti all’ estero sia per gli stranieri interessati a conoscere più da vicino la nostra cultura culinaria, sempre attraverso il principio base di unire le persone attraverso il cibo.

Twitter: @arcamasilum

Ti potrebbe interessare anche

Le 10 migliori startup italiane di innovazione sociale (da Le Cicogne a Qurami)

L’elenco, i numeri, i dipendenti, le idee, i finanziamenti delle migliori aziende di social innovation su cui puntare nel 2015

Le 5 migliori startup italiane del food (da Cortilia a wineOwine)

L’elenco, i numeri, i dipendenti, le idee, i finanziamenti delle migliori aziende di food su cui puntare nel 2015

Qurami, un’app per evitare le code all’Anagrafe (e non solo)

Roberto Macina, CEO di Qurami, startup tagliafile, spiega perché le file all’Anagrafe a Roma potrebbero essere a breve solo un ricordo

Sardex, la moneta sociale paga

La startup sarda scelta tra le 40 aziende italiane che concorreranno allo European Business Award 2013/14. Insieme a colossi come Eni, Enel ed ebay Italia

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.