Sei parole da non usare nel mondo del business (secondo Entrepreneur)

Le parole hanno un potere e per questo, sul sito Entrepreneur.com, Lindsay Broder dedica un articolo ai 6 termini da evitare quando si fa del business.

Usare parole gentili per dire di “no” agli altri. Ed essere senza pietà quando si tratta di criticare noi stessi. Perché se dovete rifiutare un cliente dite: “Grazie, ma la sua offerta per il momento non è adatta alla nostra impresa” e se dovete parlare di voi stessi non esitate a scegliere il lessico più denigrante? Le parole hanno un potere e per questo, sul sito Entrepreneur.com, Lindsay Broder dedica un articolo ai 6 termini da evitare quando si fa del business. I punti sono quattro, ma non fatevi ingannare.

Illustration/Key visual by Lidia Lukianova

  1. Dovrei/non dovrei. Le persone ci dicono sempre quello che dovremmo o non dovremmo fare e lo stesso facciamo con noi stessi. Il fatto è che parlare al condizionale non serve. Serve, piuttosto, trovare la cosa giusta da fare o che vogliamo fare. Quando ci consigliamo cosa dovremmo o non dovremmo fare ci perdiamo in un giudizio di valore che non sempre si traduce in una scelta giusta.
  2. Devo. «Siamo chiari», scrive Broder, «ci sono davvero pochissime cose che dobbiamo fare nella vita e una di queste è respirare». Perciò tutto ciò che fate dicendo a voi stessi che “dovete farlo” è in realtà il frutto di una vostra scelta e sapete che le alternative non sono all’altezza.
  3. Posso/non posso. Il punto non è poter fare una cosa, ma volerla fare. Il verbo “potere” ha in sé una connotazione negativa. Pensate a qualcosa che potete fare, per esempio “Posso concludere un affare con quel cliente” oppure “Posso trovare dei finanziamenti per la mia impresa”. Ora cambiate “posso” con “voglio”. Una grande differenza. Qualcuno può dirvi che è solo semantica, ma in realtà le conseguenze nel modo di pensare sono enormi. Perché nel “potere” non c’è nulla di definito, nulla che dica quanto siete determinati a raggiungere davvero quel risultato. Dall’altra parte dire “non posso” significa trovare una scusa. Ciò che state dicendo, in realtà, è che non lo farete perché, in fondo, non lo volete fare, scrive Broder.
  4. Impossibile. Ecco un’altra parola da evitare. Dire che una cosa è impossibile significa creare i presupposti per renderla tale. Scrive Lindsay Broder: «È necessario che almeno una parte di voi creda che sia possibile realizzare quello che avete in testa. Solo così ci riuscirete». E solo così si mantengono vive le idee e si va avanti.

«Se volete cambiare rotta», conclude l’autrice, «cominciate a osservare quante volte queste parole si infilano nei vostri pensieri e discorsi. Cercate di capire se in quelle frasi state dicendo la verità. Infine, mettetevi alla prova e trovate un modo migliore per dire quello che davvero intendete».

Ti potrebbe interessare anche

8 eventi casuali che hanno fatto nascere 8 startup più grandi al mondo

Instagram in realtà è nata a Firenze, Ebay da un gioco di borsa. Yelp da un’influenza. Ecco gli 8 eventi che hanno fatto nascere alcune startup più importanti del mondo

6 lezioni sull’Italia delle startup da un giovane russo che ha deciso di trasferirsi qui

Denis Bulichenko ha deciso di venire a fare startup in Italia approfittando del programma Visa. E ci dà delle indicazioni preziose su come si sta sviluppando il nostro ecosistema

Dall’università di Stanford un corso per lanciare una startup (gratis)

Durante il corso “How to Start a Startup”, esperti di tutto il mondo spiegheranno come avviare una startup gratis. Ecco la prima lezione

Gli 8 segreti che hanno fatto grande Amazon (spiegati a Torino dal braccio destro di Bezos)

Diego Piacentini, vice presidente di Amazon, spiega in una lezione alla Scuola Holden i motivi che hanno fatto grande l’azienda di Jeff Bezos.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Le migliori università in Italia per studiare informatica

Il corso di Laurea in Informatica mira a preparare figure professionali dotate di conoscenze nei vari settori delle scienze e tecnologie dell’informazione. Il Censis recensisce le università migliori in tutta Italia. Ecco le classifiche per lauree triennali e biennali.

Huawei Ascend 910, antipasto AI prima di IFA

Nuovo processore dedicato all’intelligenza artificiale, nuovo framework open source Mindspore per lo sviluppo di algoritmi ad alto tasso di parallelismo. In attesa del SoC per smartphone che sarà lanciato a Berlino

I cartoni animati nel piatto: l’idea creativa di una mamma per traformare il cibo in opera d’arte

Da Spongebob alla regina cattiva di Biancaneve: Laleh Mohmed investe la sua creatività per trasformare i piatti dei suoi bambini in composizioni colorate che si mangiano con il sorriso

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.