3 milioni di euro per WISE da Principia SGR e Atlante Ventures

WISE ha chiuso un round d’investimento da 3 milioni di euro guidato dal fondo italiano di venture capital Principia SGR

WISE Srl, società biomedicale che sta sviluppando la prossima generazione di elettrodi impiantabili per neuromodulazione, ha chiuso un round d’investimento da 3 milioni di euro guidato dal fondo italiano di venture capital Principia SGR. Hanno partecipato al round d’investimento anche i fondi Atlante Ventures, F3F e Antares, oltre agli attuali soci High-Tech Gründerfonds, Atlante Seed e b-to-v Partners.
Wise03-mb
Mediante la propria tecnologia innovativa, detta Supersonic Cluster Beam Implantation (SCBI), WISE sta sviluppando una nuova generazione di elettrodi impiantabili, altamente flessibili ed elastici, che potranno essere utilizzati per la cura di numerose patologie neurologiche. WISE punta a commercializzare nel 2018 il proprio prodotto di punta, un elettrodo ripieghevole per la stimolazione del midollo spinale. L’investimento raccolto in questo round sarà utilizzato per portare avanti lo sviluppo clinico dei dispositivi e per l’allestimento a Milano di un impianto di produzione certificato. Antonio Falcone, CEO di Principia SGR, l’investitore leader di questo round, ha commentato:

“Siamo particolarmente soddisfatti di poter annunciare il nostro investimento nella tecnologia innovativa di WISE, poiché siamo convinti che abbia il potenziale per portare ad un forte avanzamento nel campo della neuromodulazione. WISE è il primo investimento del nostro nuovo fondo Principia III – Health e non vediamo l’ora di cominciare a lavorare con WISE per supportare, grazie alla nostra esperienza e al nostro network, il suo ingresso nel mercato in crescita della stimolazione spinale.”

«Lo smart working richiede un nuovo ecosistema lavorativo»

L’intervista a Marco Russomando, Head of Human Resources di illimity. «L’errore più grave sarebbe considerare il lavoro agile come misura d’emergenza»

Se l’open-innovation va a nozze con il Terzo Settore. Il modello della nuova impresa sociale

Già oggi esistono 15.000 imprese sociali, ma secondo l’Istat ma il numero potrebbe essere molto più alto nel prossimo futuro. Il risultato di questa grande trasformazione interna è che oggi dei 70 miliardi di euro generati in ambito nonprofit 50 sono “market oriented”. Non male per un settore solitamente rappresentato come dipendente da enti pubblici e da contributi una tantum