BigRock, partnership con aziende per sostenere viaggi degli studenti Oltreoceano

La scuola di computer grafica e animazione BigRock stringe una partership con aziende per un nuovo percorso formativo basato sulla computer grafica

(Comunicato Stampa) Milano, 30 giugno 2015 – Un master e una scuola di computer grafica e animazione assolutamente fuori dagli schemi: tanto atipici da saper coinvolgere aziende e corsisti in attività che, apparentemente, non hanno nulla a che fare con il percorso formativo, ma che invece contribuiscono alla preparazione al lavoro in team, tipico delle produzioni visive. Stiamo parlando di BigRock e della sua offerta formativa che esce dalle aule per trasferirsi sulle spiagge per dar vita a partite di bubble ball, nelle palestre per imparare le tecniche dell’arrampicata, all’aperto per scatenarsi in partite di softball e che culmina con il BigTour.

Se si dice che i sogni, per essere realmente tali, non devono avere limiti, il percorso di formazione deve concludersi con qualcosa di memorabile, qualcosa che possa essere portato con sé per tutto il resto della vita. È così che è nato BigTour, un viaggio senza meta, avventuroso e alla ricerca dei panorami mozzafiato d’Oltreoceano tra i deserti di sale e quelli del Grand Canyon e della Valle della Morte, percorrendo più di 3.000 miglia attraverso quattro Stati: Utah, Colorado, Arizona, Nevada e California.
Per scoprire se stessi. Per capire che bisogna prima perdersi, per trovare la propria strada e per imparare il vero significato del ruolo del leader.

Una formazione che, ogni volta, prevede un percorso diverso, scelto al momento, spesso anche senza mappe. Un’avventura che si snoda in una carovana di una decina di fuoristrada per andare alla ricerca di un messaggio che gli studenti del corso precedente hanno chiuso in una bottiglia, poi sotterrata e di cui si conoscono soltanto le coordinate GPS.
A un modello formativo così dirompente e innovativo credono anche le aziende che, alle due edizioni del viaggio l’anno, contribuiscono con investimenti e partnership tecniche o di marketing per dar vita a un nuovo concetto di user experience.
Al BigTour attualmente in corso hanno aderito diverse aziende italiane e internazionali come Tecnica Group, Midland Europe, AB Italian Design, Exess Eyewear e Personal Time, fornendo calzature da escursione, walkie talkie a lungo raggio, borse, occhiali da sole e cappellini.

Duplice l’obiettivo della partnership con le aziende: da una parte, sostenere il viaggio dei futuri esperti in computer grafica e animazione con del materiale tecnico che possa migliorare la loro “avventura” e, dall’altra, investire in azioni di comunicazione grazie a materiale fotografico e video sviluppato ad hoc dai professionisti della scuola di Treviso.
Il risultato è un evoluto tipo di product placement degli accessori e degli oggetti messi a disposizione dai partner grazie a shooting e backstage unici che vivono sul blog che sanno catturare l’attenzione di nuovi clienti.

Eventi digitali da non perdere dal 22 al 28 luglio

Dalla presentazione del libro Viral Marketing a Firenze al Campus Party a Milano passando per il Design Sprint e Meet The Media Guru: tutti gli eventi digitali da non perdere segnalati da Andrea Romoli

N26 raccoglie 470 milioni di dollari

Continua l’ascesa di N26. A seguito del nuovo round di finanziamenti, la banca mobile tedesca, è ora valutata 3,5 miliardi di dollari. A inizio gennaio presentava una valutazione di 2,7 miliardi di dollari

Google insieme a Fondazione Agnelli per la didattica digitale

Lo scopo dell’accordo è mettere a punto progetti per costruire insieme ai docenti italiani strategie e pratiche didattiche innovative con strumenti digitali. L’intervista a Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv