Una startup italiana è il punto di riferimento degli azionisti del Barcellona

Con Deebase, piattaforma di collective decision making, il BFC è ora in grado di guidare i propri soci attraverso un processo di dibattito online

(Comunicato Stampa) – “Més que un Club”, piu’ di un club. Questo è il modo in cui il Barcelona Futbol Club ama definirsi dal 1899, anno della sua fondazione.

Ma cos’è che da oltre un secolo rende unico il Barcelona FC? Non sono solo i 60 milioni di tifosi, le 5 Champions Leagues vinte, e i 10 palloni d’oro che i giocatori hanno conquistato, ma anche la sua peculiare forma societaria.
Il Club è infatti letteralmente posseduto dai suoi tifosi: acquistando quote della società, essi diventano a tutti gli effetti parte integrante della squadra. In virtù di questo, il Barça è il più grande esempio esistente di azionariato popolare, un caso unico che va oltre il mondo del calcio.

A favorire il coordinamento della base votante vi sono una serie di associazioni, tra cui Manifest Blaugrana, attiva in particolare nel territorio di Barcellona. Tramite eventi e campagne informative, essa ha l’obiettivo di coinvolgere gli azionisti nella vita del Club, favorendo un continuo confronto di opinioni. Tuttavia la gestione di un azionariato di tale dimensione e dispersione geografica è estremamente complesso, motivo per cui Manifest Blaugrana ha deciso di estendere il raggio delle sue azioni di coordinamento online. Grazie a Deebase, una piattaforma di collective decision making sviluppata dalla startup italiana 4d3, l’associazione è ora in grado di guidare i propri soci attraverso un processo di dibattito online, di raccogliere le loro idee agilmente, e quindi di farsi da tramite verso la Presidenza del Club.

Il progetto di online deliberation è nato in concomitanza con il lancio della campagna elettorale che culminerà il 18 Luglio con l’elezione del nuovo presidente del Club. Il primo obiettivo è di produrre delle linee guida da sottoporre al neo presidente riguardanti i cambiamenti gestionali da intraprendere nell’immediato futuro.
Quindi la piattaforma verrà utilizzata sia per raccogliere e pubblicare i feedback dei soci circa le azioni intraprese dal Club, sia per proporre successive riforme.

La piattaforma Deebase

Sviluppata dalla start up Emiliana 4d3, Deebase è una piattaforma SaaS in grado di soddisfare le esigenze di comunità che desiderano rinnovare i propri processi decisionali abbracciando il paradigma del collective decision making.
La piattaforma favorisce infatti il confronto tra gli utenti di una community, incentivando il dibattito e integrando un sistema in grado di dare rilevanza alle informazioni maggiormente condivise e supportate dagli iscritti. Non una semplice piattaforma di discussione, ma un vero e proprio sistema capace di stimolare la creazione, condivisione e selezione di idee ed opinioni. Le dinamiche di interazione sono supportate da elementi di gamification e l’integrazione della piattaforma con i social network è organica: i segnali provenienti dall’universo social non sono infatti semplici elementi di corredo ma parte integrante del processo di interazione/selezione delle informazioni più rilevanti

Eventi digitali da non perdere dal 22 al 28 luglio

Dalla presentazione del libro Viral Marketing a Firenze al Campus Party a Milano passando per il Design Sprint e Meet The Media Guru: tutti gli eventi digitali da non perdere segnalati da Andrea Romoli

N26 raccoglie 470 milioni di dollari

Continua l’ascesa di N26. A seguito del nuovo round di finanziamenti, la banca mobile tedesca, è ora valutata 3,5 miliardi di dollari. A inizio gennaio presentava una valutazione di 2,7 miliardi di dollari

Google insieme a Fondazione Agnelli per la didattica digitale

Lo scopo dell’accordo è mettere a punto progetti per costruire insieme ai docenti italiani strategie e pratiche didattiche innovative con strumenti digitali. L’intervista a Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv