GARR offre ai giovani laureati 10 borse di studio da 19.000 euro

L’organizzazione che gestisce la rete telematica dell’università e della ricerca in Italia mette a disposizione 10 borse di
studio intitolate a Orio Carlini, uno dei padri fondatori della rete GARR

Opportunità per giovani laureati sui temi delle tecnologie innovative e delle infrastrutture digitali messe a disposizione dal GARR, l’organizzazione che gestisce la rete telematica italiana a banda ultralarga dedicata al mondo dell’istruzione e della ricerca, attraverso 10 borse di studio intitolate al prof. Orio Carlini, che è stato uno dei padri fondatori della rete GARR. Le borse avranno la durata di 12 mesi e sono dedicate a giovani laureati magistrali (nati a partire dal 1 gennaio 1985) per attività da svolgere presso la sede di Roma del GARR o enti ed istituzioni scientifiche, culturali ed accademiche connesse al GARR.

Le proposte di attività dovranno essere incentrate sull’applicazione di tecnologie innovative per lo sviluppo delle infrastrutture digitali e dei loro servizi in contesti multidisciplinari.
Ai fini della valutazione delle candidature verranno considerati elementi premianti l’originalità, l’innovazione e l’applicabilità a breve termine degli argomenti proposti.

L’importo di ciascuna borsa di studio è di euro 19.000,00 lordi. Le borse non sono cumulabili con altre borse di studio, né con assegni o sovvenzioni di analoga natura e la loro fruizione è incompatibile con la frequenza di corsi di dottorato di ricerca universitari con assegni. Le borse non possono essere cumulate neppure con stipendi o retribuzioni di qualsiasi natura, derivanti da rapporti di impiego pubblico o privato, salvo i casi previsti dalle vigenti disposizioni legislative.

Il GARR investe da sempre nei giovani, indice periodicamente bandi per borse di studio finalizzate ad attività di formazione post-diploma universitario, post-laurea e post-dottorato di ricerca e promuove la preparazione di esperti che si occupano dell’utilizzo delle tecnologie legate alle reti e al loro uso. Dal 2001 ad oggi sono state assegnate 35 borse di studio “Orio Carlini”, 24 borse di studio per un Master Universitario di II Livello su “Metodologie e tecnologie per lo sviluppo di infrastrutture digitali”, diversi premi sui temi delle tecnologie digitali.

Il bando completo e le modalità di invio della domanda di partecipazione sono disponibili nella pagina web dedicata

Requisiti richiesti

• Data di nascita uguale o successiva al 1 gennaio 1985
• Possesso del titolo di laurea magistrale, laurea specialistica o laurea a ciclo unico, conseguito presso Università o Istituti di istruzione universitaria italiani o dell’Unione Europea, o presso Università o Istituti universitari non appartenenti all’Unione Europea, purché il titolo sia stato riconosciuto o reso equipollente da Università o Istituto di istruzione universitaria italiano o dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
• Buona conoscenza della lingua inglese parlata e scritta.

La scadenza per l’invio delle domande è il 14 settembre 2015.

Zuckerberg non teme il boicottaggio pubblicitario: “Torneranno presto”

Da una decina di giorni la campagna “Stop Hate for Profit” sta raccogliendo adesioni pesanti. I brand chiedono più decisione su odio e violenza verbale. Ma qual è l’impatto reale della crociata contro il social?

L’EdTech in Italia tra pubblico e privato: parola a Damien Lanfrey e Donatella Solda

Sono stati parte fondamentale del programma di digitalizzazione della scuola del MIUR fra il 2012 e 2018. Dopo questa eseperienza hanno fondato startup nell’ambito EdTech. Una chiacchierata a tutto tondo sul mondo dell’innovazione scolastica tra pubblico e privato

Uber compra Postmates, proseguono le manovre dei colossi del delivery

Dopo la fusione fra Just Eat/Takeaway con GrubHub, il gruppo guidato da Dara Khosrowshahi corre ai ripari e compra il piccolo player per consolidare le posizioni, specie sulal costa Ovest statunitense

LIFEdata, Sooneat e Hexagro vincono il contest Ceetrus4Innovation

Sono LIFEdata, Sooneat e Hexagro ad aggiudicarsi la finale di Ceetrus 4 Innovation, la Call 4 Startup organizzata da Ceetrus Italy in collaborazione con PoliHub, per individuare soluzioni e tecnologie innovative che rendano i centri commerciali luoghi di vita sostenibili e smart