Un milione di euro dall’Ue a chi ci fa capire cosa mangiamo

La Commissione Europea ha lanciato un concorso per realizzare un Food Scanner e vincere uno dei premi Horizon2020

La Commissione Europea ha lanciato un concorso per realizzare un Food Scanner, una soluzione tecnologica per misurare e analizzare l’assunzione di cibo delle persone e vincere uno dei premi Horizon.
I partecipanti dovranno quindi competere per sviluppare una soluzione innovativa e sostenibile nel settore del food.
Il premio da 1 milione di euro verrà suddiviso in un massimo di 3 riconoscimenti: 800,000 euro andranno al vincitore e 100,000 al secondo e terzo classificato.
Food Scanner rappresenta il terzo premio ICT all’interno del programma di Ricerca e Innovazione di Horizon 2020.

Per vincere, gli innovatori devono trovare una soluzione che analizzi la composizione del cibo e indicare i valori nutrizionali e gli ingredienti potenzialmente nocivi: calorie, ingredienti, nutrienti e allergeni. Lo strumento dovrebbe inoltre fornire all’utente un valido feedback sulle sue condizioni di salute e sullo stile di vita.
Con questa iniziativa la Commissione Europea si propone di aiutare a prevenire problemi di salute legati all’alimentazione quali allergie, obesità, diabete e malattie cardiovascolari e permettere ai cittadini di compiere scelte informate sulla loro assunzione di cibo, in modo affidabile e non invasivo.

dieta-mediterranea-2

Totale libertà di raggiungere l’obiettivo

Il contest è aperto tutte le persone e le associazioni residenti in un Paese dell’Unione Europea o in un paese associato ad Horizon 2020. Il Premio verrà assegnato a chiunque trovi una soluzione che rispecchi i criteri del bando e offra una soluzione realmente innovativa.
Questo lascia ai partecipanti – scienziati riconosciuti, aziende del settore o startup innovative – totale libertà nell’usare il loro pensiero creativo e trovare il modo migliore per raggiungere l’obiettivo.
Per convincere la Commissione è necessario che il progetto sia economico, veloce e facile da usare.

Le regole del contest sono disponibili online. I partecipanti potranno presentare la loro richiesta di iscrizione dal 9 settebre 2015 fino al 9 marzo 2016.
Le candidature verranno valutate da una giuria indipendente di esperti e il premio verrà assegnato nell’autunno del 2016.

Perché qualcuno dovrebbe comprare un Food Scanner?

Le persone sanno veramente quello che mangiano? O quante calorie ci sono nel cibo che assumono? Quanto spesso si prendono il tempo per leggere l’etichetta? E cosa accade quando non ci sono etichette?
Il cibo è una questione di grande importanza per le persone. Questo soprattutto per motivi di salute: circa 17 milioni di europei soffre di allergie legate al cibo, 3,5 milioni dei quali sotto i 25 anni di età.
Nel 2014, la World Health Organisation ha stimato che il 39% degli adulti sono in sovrappeso e il 13% obesi. Si prospetta che nel 2030 il numero di europei affetti da diabete sarà di 43 milioni contro i 35 milioni di adulti nel 2011 (fonte International Diabetes Federation); in Europa le malattie cardiovascolari provocano 46 volte il numero di morti e 11 volte il carico di malattia causata da AIDS, tubercolosi e malaria messi insieme.
Un’assunzione di cibo più salutare e misurata aiuterebbe a ridurre sostanzialmente il numero e migliorare lo stato di salute di milioni di cittadini europei e del mondo.
In più, le persone fanno molta più attenzione al loro benessere, cercando informazioni e consigli per mantenere una buona forma fisica e per avere uno stile di vita più salutare.
Un food scanner, che le persone possano semplicemente puntare sul cibo per avere le informazioni di cui hanno bisogno per fare scelte consapevoli, potrebbe essere parte di questo trend.
Il Food Scanner è uno dei cinque Horizon Prizes che sono stati lanciati nel 2015.
Per saperne di più seguite #foodscanner e #HorizonPrize su twitter e visitate il sito web.

Energia innovativa, la storia di Kaitek Flash Battery

Una startup nata letteralmente in un garage, e trasformatasi in un’azienda con un fatturato milionario. Grazie all’investimento in ricerca e sviluppo: per offrire un prodotto diverso, e più innovativo, rispetto alla concorrenza

Zuckerberg non teme il boicottaggio pubblicitario: “Torneranno presto”

Da una decina di giorni la campagna “Stop Hate for Profit” sta raccogliendo adesioni pesanti. I brand chiedono più decisione su odio e violenza verbale. Ma qual è l’impatto reale della crociata contro il social?

L’EdTech in Italia tra pubblico e privato: parola a Damien Lanfrey e Donatella Solda

Sono stati parte fondamentale del programma di digitalizzazione della scuola del MIUR fra il 2012 e 2018. Dopo questa eseperienza hanno fondato startup nell’ambito EdTech. Una chiacchierata a tutto tondo sul mondo dell’innovazione scolastica tra pubblico e privato

Uber compra Postmates, proseguono le manovre dei colossi del delivery

Dopo la fusione fra Just Eat/Takeaway con GrubHub, il gruppo guidato da Dara Khosrowshahi corre ai ripari e compra il piccolo player per consolidare le posizioni, specie sulal costa Ovest statunitense

LIFEdata, Sooneat e Hexagro vincono il contest Ceetrus4Innovation

Sono LIFEdata, Sooneat e Hexagro ad aggiudicarsi la finale di Ceetrus 4 Innovation, la Call 4 Startup organizzata da Ceetrus Italy in collaborazione con PoliHub, per individuare soluzioni e tecnologie innovative che rendano i centri commerciali luoghi di vita sostenibili e smart