Eggtronic raccoglie 2,5 milioni tra investitori privati e Smart&Start

Uno due di Eggtronic, chiude un round di investimento da 1,5 milioni e ottiene un milione da Smart&Start: Il Ceo Spinella: «Ora siamo pronti all’industrializzazione».

Eggtronic, startup innovativa di Modena, già scelta tra le più promettenti d’Italia dal ministero dello Sviluppo economico nel 2014, ha appena chiuso un importante round di investimento di 1.5 milioni di euro di capitali di rischio, e vinto un bando Smart & Start per oltre 1 milione di euro, raccogliendo risorse superiori a 2.5 milioni di euro in pochi mesi. StartupItalia! l’ha inserita tra le più promettenti 100 startup del 2015. 

Investitori_Eggtronic_23_06_2015

Eggtronic è una startup tecnologica emiliana di elettronica di consumo, specializzata in prodotti e tecnologie di frontiera nel settore dell’alimentazione efficiente ed ecologica, della ricarica wireless e degli accessori per telefonia.

«Questo fondamentale round di investimento e le risorse Smart & Start ci permetteranno di industrializzare le nostre tecnologie, capaci letteralmente di cambiare il mondo» – spiega Igor Spinella, CEO di Eggtronic, ingegnere meccatronico, ex ricercatore universitario di 33 anni.

Grazie alle tecnologie Eggtronic, ogni tavolo, scrivania, ma anche le pareti delle case e degli uffici, così come ogni altra superficie, potranno diventare intelligenti e capaci di ricaricare, alimentare ed interconnettere cellulari, computer, tablet, televisori, hard disk ed ogni altro dispositivo elettronico, in modo estremamente potente, efficiente, economico ed ecologico.

«Con le nostre tecnologie possiamo eliminare tutti i cavi e decuplicare la velocità di ricarica e scambio dati wireless. E possiamo alimentare qualsiasi dispositivo in modo estremamente ecologico, facendo risparmiare al pianeta oltre 300 milioni di tonnellate di CO2 all’anno, con sistemi estremamente scalabili, dieci volte più piccoli e molto più efficienti di quelli attuali, capaci di alimentare veramente di tutto, dallo smartwatch fino ai datacenter di colossi quali Google, Facebook ed Apple» – continua Spinella.

Grazie a investitori privati ed all’iniziativa Smart & Start, il team di Eggtronic ha dunque reperito le risorse necessarie per sviluppare tecnologie necessariamente capital intensive, in un settore – quello dell’elettronica – per ora poco sviluppato in Italia, ma che è trainante ed in continua crescita in tutto il mondo.

20150313_185619-679x382

«L’operazione è eccezionale per molteplici ragioni: in soli tre mesi abbiamo raccolto capitali di rischio pari a 1.5 milioni di euro. E’ un caso che fa scuola per la cifra, particolarmente significativa nel panorama dei round seed delle startup italiane, per la velocità di intervento, fondamentale per aziende tecnologiche come EGGTRONIC, e per la tipologia di investitori: imprenditori, aziende, professionisti, artisti ed angels illuminati, che oltre a dimostrare quotidianamente l’eccellenza italiana con il loro lavoro, hanno deciso di investire su un gruppo di giovani di talento con idee veramente brillanti» – commentano Giuseppe Ludergnani e Federico Poletti, soci dello Studio Luce che ha assistito Eggtronic nel fund raising.

«Ai capitali di rischio si aggiunge 1 milione di euro appena vinto grazie all’iniziativa Smart & Start, promossa da Invitalia, l’Agenzia Nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa, che si è dimostrata particolarmente utile nel dare slancio e supporto a iniziative innovative come quella Eggtronic» – fa eco Alessandro Melli, dello Studio 41cento che ha assistito Eggtronic nel Bando Smart & Start.

Le risorse superiori a 2.5 milioni di euro raccolte da Eggtronic consentiranno di incrementare ed accelerare l’attività di ricerca, attrezzare i laboratori con strumentazione d’avanguardia, assumere nuovo personale ed ingegneri altamente qualificati allo scopo di lanciare sul mercato altri prodotti, così come strutturare ed incrementare la rete vendite e la distribuzione, con l’obiettivo di trasformare idee estremamente promettenti in un successo tecnologico ed economico, ed in un esempio virtuoso per le startup italiane.

Ti potrebbe interessare anche

100 euro ogni ora e altri 5 modi per prendere decisioni più veloci

Come si possono prendere decisioni più veloci se si fa impresa? Una questione capitale sia nella vita che per chi fa startup. I consigli di Inc

10 libri che ogni startupper deve assolutamente avere sul comodino

Letture consigliate agli startupper (rigorosamente in inglese) per crescere professionalmente e capire come funziona il mondo del business

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Le migliori università in Italia per studiare informatica

Il corso di Laurea in Informatica mira a preparare figure professionali dotate di conoscenze nei vari settori delle scienze e tecnologie dell’informazione. Il Censis recensisce le università migliori in tutta Italia. Ecco le classifiche per lauree triennali e biennali.

I cartoni animati nel piatto: l’idea creativa di una mamma per traformare il cibo in opera d’arte

Da Spongebob alla regina cattiva di Biancaneve: Laleh Mohmed investe la sua creatività per trasformare i piatti dei suoi bambini in composizioni colorate che si mangiano con il sorriso

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.