400k a Tutored da Club Digitale, Club Italia Investimenti 2 e LVenture Group

Dopo soli 4 mesi nuovo investimento nella startup per le ripetizioni dedicata agli studenti universitari. E punta all’estero

(Comunicato Stampa) 31 luglio 2015 – LVenture Group, holding di partecipazioni quotata sul MTA di Borsa Italiana, ha siglato insieme a Club Digitale, club di investimento in startup e Club Italia Investimenti 2, veicolo di pre-seed a fianco degli acceleratori italiani, un accordo di investimento del valore di 400mila euro in Tutored, startup che offre un servizio dedicato agli studenti universitari mettendo in contatto la domanda e l’offerta di ripetizioni private e fornendo una piattaforma online dove gli utenti possono svolgere le proprie lezioni direttamente sul sito.
Il commitment di LVenture Group è di 50mila euro. A seguito dell’operazione, la quota di LVenture Group passa dal 10,79% all’11,01 %.

L’investimento odierno giunge a soli 4 mesi da un altro round di investimento da 400mila euro effettuato da Club Digitale e Club Italia Investimenti 2 insieme a LVenture Group, il cui commitment è stato di 100mila euro. Le nuove risorse finanziarie mirano a sostenere la rapida crescita di questa startup che, da marzo ad oggi, ha raggiunto e superato in anticipo sui tempi, tutti gli obiettivi definiti in occasione del precedente round di investimento e sta crescendo rapidamente in Italia e a livello internazionale.

Tutored, startup uscita dal programma di Accelerazione di Luiss Enlabs conclusosi a gennaio 2015, è nata come piattaforma che mette in contatto studenti che hanno già sostenuto e superato un esame, in una determinata facoltà e con uno specifico professore, con altri studenti che stanno preparando lo stesso esame. Attorno alla piattaforma si è però radunata, in pochissimi mesi, una community di oltre 100.000 utenti attivi e circa 400.000 visitatori al mese che, di fatto, ne stanno facendo un vero e proprio student hub, una piazza virtuale dove gli studenti si incontrano per scambiarsi esperienze, opinioni e informazioni.

In particolare, Tutored, oltre ad essere già presente in tutte le principali città italiane, si sta sviluppando in tutto il mondo, infatti si appresta ad attivare il proprio servizio a New York, Berlino e Londra e, in queste ultime due città, ad aprire anche degli uffici nel mese di ottobre.

Tutored

«Il nostro progetto sta dimostrando di avere grandi potenzialità per scalare velocemente a livello internazionale» – dichiara Gabriele Giugliano, CEO e co-founder di Tutored – «La nostra forza è la capacità di ingaggiare gli utenti che, attraverso il passaparola, fanno conoscere il nostro servizio all’interno del mondo universitario. Grazie a questo effetto virale, entro ottobre contiamo di raggiungere 1 milione di utenti e diventare leader di mercato in Europa».

I numeri del team di Tutored sono interessanti. Avviato da tre giovanissimi soci fondatori, Nicolò Bardi, Gabriele Giugliano e Martina Mattone, il team di Tutored si è rapidamente allargato fino a comprendere 14 elementi, dall’età media di 24 anni, in maggioranza studenti universitari.

«La nostra idea nasce da un problema sperimentato in prima persona nell’affrontare la vita universitaria» – raccontano Nicolò Bardi, CFO e co-founder di Tutored, studente LUISS al secondo anno di Economia e Management (21 anni) e Martina Mattone, COO e co-founder di Tutored, laureatasi in Giurisprudenza nel 2013 (25 anni) – «Per prepararsi al meglio e superare a pieni voti gli esami universitari può non bastare studiare sui libri di testo: conoscere gli argomenti preferiti da un docente oppure esercitarsi con testi di esami passati fa spesso la differenza. Tutored è un servizio nato per agevolare lo scambio di queste informazioni».

Il mercato di riferimento di Tutored in Italia vale 935 milioni di euro, in Europa oltre 15 miliardi di euro e si stima che raggiungerà un valore di 108 miliardi di dollari a livello mondiale entro il 2018.

Per Luigi Capello, CEO di LVenture Group e Founder di LUISS ENLABS «Abbiamo riconosciuto in Tutored un modello di business con grandi potenzialità. Più che di startup, nel caso di Tutored si può parlare di “scaleup”, visto il suo successo in termini di crescita dimensionale e validazione di mercato. Per LVenture Group questo nuovo investimento è la conferma che l’ecosistema messo in piedi funziona molto bene: l’università LUISS, l’acceleratore LUISS ENLABS e gli investitori – in questo caso oltre a noi anche Club Digitale e Club Italia Investimenti 2 – fanno sì che si crei quel percorso che agevola la nascita e il finanziamento delle startup e che le mette poi in condizione di emergere e raggiungere risultati eccezionali in un brevissimo periodo di tempo».

Tutti i numeri del crowdfunding in Italia. E i consigli di chi lo studia. «L’idea vincente? Trasformare gli investitori in ambasciatori»

Più campagne, più portali, più investitori. E il tasso di successo si mantiene elevato. Il Politecnico di Milano presenta il quarto rapporto italiano sul crowdinvesting. Intervista a Giancarlo Giudici, direttore dell’Osservatorio Crowdinvesting

Gli studenti di Benevento conquistano il terzo posto nella competizione europea di educazione imprenditoriale

Con la loro startup Farm Animal Trade, gli studenti dell’ITIS Lucarelli di Benevento si aggiudicano la medaglia di bronzo della Junior Achievement Europe Company of the Year Competition, la competizione europea di educazione imprenditoriale

Pagamenti elettronici, i vantaggi del contactless

Praticità, sicurezza e convenienza spingono la diffusione dei New Digital Payment: tra cui spicca il pagamento a mezzo NFC. L’esempio di Visa, tra partnership e difesa del consumatore

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv