Nuovo round di finanziamento per Bauzaar: 250k da Club Digitale e P101

L’e-commerce dedicato interamente ai prodotti di alta qualità per cani e gatti utilizzerà i fondi per consolidare il proprio percorso di crescita

(Comunicato Stampa) – Club Digitale, il Club di investitori privati creato da SiamoSoci e P101, società di venture capital specializzata in early stage nel settore digitale, hanno investito 250.000 euro in Bauzaar, e-commerce dedicato ai prodotti di alta qualità per animali domestici. Rinnova quindi la fiducia P101 che era già presente come azionista della società insieme a Club Italia Investimenti 2, veicolo di pre-seed che lavora a fianco degli acceleratori italiani.

«Bauzaar opera in un settore dove prevediamo una crescita a doppia cifra per i prossimi 5 anni». Ha dichiarato Marco Magnocavallo, dell’acceleratore Boox – «Il settore del pet food non vede ancora player italiani posizionati in modo predominante mentre sono invece attivi diversi attori stranieri, i quali evidenziano però limiti dovuti alla scarsa conoscenza del mercato italiano e delle sue particolari dinamiche. Il team è ben assortito con precedenti esperienze nel mondo della consulenza e dell’e-commerce ed ha eseguito con successo la prima fase di crescita durante il percorso di accelerazione avuto con Boox».

Bauzaar

La piattaforma e-commerce di Bauzaar, nata nel 2013 da un’idea di Matteo Valente e Domenico Gimeli, è dedicata interamente ai prodotti di alta qualità per cani e gatti. Il sito offre al cliente la possibilità di fare un acquisto in pochi click potendo selezionare solo i prodotti super-premium, sia nella categoria food che non food, con particolare attenzione al Made in Italy. Bauzaar, uno dei pochi player a offrire questo servizio, dà la possibilità al cliente di organizzare i propri acquisti componendo un carrello con i prodotti desiderati, scegliendo una frequenza per la consegna a casa e attendendo comodamente i prodotti. Questa soluzione rappresenta già il 5% del fatturato che nel 2014 ha toccato i 520.000 euro. Nel primo semestre 2015 si è registrato un trend di crescita che ha visto passare i clienti attivi da 6.000 a quasi 10.000 e ha fatto salire ad oltre 70.000 gli utenti profilati.

L’obiettivo del team per il 2015 è da un lato raggiungere un fatturato da un milione di euro e dall’altro consolidare il percorso di crescita oltre che l’accelerazione dell’acquisizione dei clienti. Più a lungo termine, l’obiettivo principale è quello di diventare il terzo player sul mercato italiano digitale entro il 2018, con volume d’affari intorno a 15 milioni di euro.

«Per raggiungere questo obiettivo ambizioso – afferma Domenico Gimeli, uno dei fondatori di Bauzaar – continueremo ad investire nella cura del servizio per il cliente, nella selezione dei prodotti e in un continuo miglioramento dell’esperienza d’acquisto».

Eventi digitali da non perdere dal 22 al 28 luglio

Dalla presentazione del libro Viral Marketing a Firenze al Campus Party a Milano passando per il Design Sprint e Meet The Media Guru: tutti gli eventi digitali da non perdere segnalati da Andrea Romoli

N26 raccoglie 470 milioni di dollari

Continua l’ascesa di N26. A seguito del nuovo round di finanziamenti, la banca mobile tedesca, è ora valutata 3,5 miliardi di dollari. A inizio gennaio presentava una valutazione di 2,7 miliardi di dollari

Google insieme a Fondazione Agnelli per la didattica digitale

Lo scopo dell’accordo è mettere a punto progetti per costruire insieme ai docenti italiani strategie e pratiche didattiche innovative con strumenti digitali. L’intervista a Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli

Oppo Reno 5G anche in Italia, su rete TIM

Il top di gamma dei cinesi conta su un display da 6,6 pollici, triplo obiettivo posteriore e camera frontale a scomparsa. La batteria promette bene ma tutto passa dalla connettività 5G. Prezzo in linea con la concorrenza

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv