Nasce ASweSend, il servizio innovativo per trasferire file in modo semplice ed intuitivo

ASweSend è stato presentato ufficialmente giovedì 1 ottobre a Casa Corriere di Expo

(Comunicato Stampa) – É stato presentato ufficialmente giovedì 1 ottobre a Casa Corriere di Expo ASweSend, il servizio innovativo che permette di inviare documenti, immagini, video – e più in generale file di grandi dimensioni e non – senza alcuno sforzo e in modo estremamente intuitivo.

ASweSend si differenzia dagli altri servizi già presenti sul mercato grazie ad un’insieme di caratteristiche che lo rendono unico. Riesce a rispondere in maniera esaustiva a tutte le necessità di chi, per lavoro o per passione, utilizza e condivide file di tutte le dimensioni.
Grazie alla sua unicità è stato inserito nel .Cloud Pioneer Program.

ASweSend quindi sarà una delle prime aziende .Cloud, il dominio che nel prossimo futuro diventerà uno degli indiscussi protagonisti della Cloud Identity.

ASweSend sarà anche presente al Web Summit in programma a Dublino dal 3 al 5 novembre accanto ai più importanti player del mercato. A solo un mese dal lancio nazionale ASweSend approderà alla più importante conferenza tecnologica d’Europa, accanto alle più grandi multinazionali high tech.

ASweSend

Cos’è nello specifico ASweSend

ASweSend permette di caricare file o cartelle e di inviarli in momenti diversi, anche da mobile, garantendo massima libertà di azione. Inoltre è possibile reinviare più volte anche a diversi destinatari senza la necessità di ricaricare il pacchetto.

A differenza dei più diffusi servizi di invio file con ASweSend il link di download ha una durata impostata dall’utente e può durare anche per sempre. Tutte le funzioni sono pienamente supportate su dispositivi mobili e sono accessibili da tutti i sistemi operativi. Le dimensioni massime del pacchetto non vengono limitate e questo permette di inviare senza limiti.

Altra caratteristica è la WhiteList: grazie ad un’autenticazione sicura si evita il blocco di utenti che utilizzano con grande frequenza il servizio. ASweSend memorizza i destinatari precedenti velocizzando quindi gli invii e ha un utile sistema di reportistica: tutti gli invii, i mittenti e lo stato dei download sono memorizzati e sono visualizzabili in ogni momento.

É possibile scegliere di ricevere o meno le notifiche relative ai download; il report online resta comunque sempre disponibile. Possono essere caricate direttamente delle cartelle, senza la necessità che vengano zippate. Questo consente ai destinatari di scegliere quali contenuti della cartella scaricare e in quale momento.

ASweSend è molto attento anche alla sicurezza: tutte le connessioni sono criptate in https, stabili ed affidabili, sia in upload che in download.

ASweSend1

Come funziona il servizio

Il servizio è semplice ed intuitivo. Al primo accesso, e solo al primo accesso, viene richiesto il login, non sarà quindi necessario annotarsi le credenziali. Nell’interfaccia di invio si inseriscono i destinatari, che vengono salvati automaticamente in rubrica. A questo punto è possibile caricare i file o la cartella da spedire; si può aggiungere un messaggio personalizzato per poi procedere con l’invio. Il sistema genera un messaggio di conferma della riuscita dell’invio.

Nella versione Enterprise l’utente può acquistare lo storage illimitato ASweSend. Questa soluzione è utile qualora non bastasse lo spazio degli storage già in uso (su Cloud Esterni come Dropbox, Google Drive etc.) o se non si disponesse di alcun servizio di archiviazione.
All’interno della sezione report si possono monitorare tutti gli invii effettuati. Questa funzionalità è molto utile per verificare il contenuto dell’invio, per sapere quali contenuti sono stati scaricati e quando.

Le caratteristiche “killer” (ovvero uniche)

White-Label: la possibilità di personalizzare l’aspetto grafico e le comunicazioni inviate a piacimento: in linea, ad esempio, con il proprio brand book.

Libertà di Storage: ASweSend permette l’invio di file memorizzati ovunque: consente infatti da un unico pannello di controllo la totale integrazione con i servizi di storage più diffusi (Dropbox – Google Drive), permettendo così la massima elasticità e facilità di gestione. L’utente non è quindi obbligato ad acquistare spazio storage ASweSend ma può utilizzarlo soltanto come interfaccia per i servizi di storage già in uso.
ASweSend si rivolge a tutte quelle persone che per lavoro hanno la necessità di inviare file di grandi dimensioni: fotografi, agenzie di comunicazione, tipografi, redazioni, case di produzione audio e video, piccole e medie imprese ma anche
chi vuole semplicemente spedire fotografie o filmati ad amici e parenti.

Per la realizzazione della startup ci siamo fatti supportare dall’avvocato Marco De Paolis specializzato in Consulenza legale e societaria internazionalizzazione e startup.

Eventi digitali da non perdere dal 22 al 28 luglio

Dalla presentazione del libro Viral Marketing a Firenze al Campus Party a Milano passando per il Design Sprint e Meet The Media Guru: tutti gli eventi digitali da non perdere segnalati da Andrea Romoli

N26 raccoglie 470 milioni di dollari

Continua l’ascesa di N26. A seguito del nuovo round di finanziamenti, la banca mobile tedesca, è ora valutata 3,5 miliardi di dollari. A inizio gennaio presentava una valutazione di 2,7 miliardi di dollari

Google insieme a Fondazione Agnelli per la didattica digitale

Lo scopo dell’accordo è mettere a punto progetti per costruire insieme ai docenti italiani strategie e pratiche didattiche innovative con strumenti digitali. L’intervista a Andrea Gavosto direttore della Fondazione Agnelli

Oppo Reno 5G anche in Italia, su rete TIM

Il top di gamma dei cinesi conta su un display da 6,6 pollici, triplo obiettivo posteriore e camera frontale a scomparsa. La batteria promette bene ma tutto passa dalla connettività 5G. Prezzo in linea con la concorrenza

Israele, le opportunità per le startup italiane

Considerata la Startup Nation per eccellenza, Israele incentiva lo sviluppo di startup sul suo territorio e la cooperazione internazionale. Ecco quello che c’é da sapere se si vuole collaborare con Tel Aviv