Albergatori liberi di alleggerire le tariffe per chi prenota online, ottima notizia per le startup

Una norma del Governo prevede il divieto del Parity Rate e rende liberi gli albergatori di applicare tariffe inferiori rispetto agli interemediari terzi, come Booking.com, una buona notizia per le startup

Aumenta la concorrenza del settore turistico, a tutto vantaggio anche delle startup di questo settore. Il ddl concorrenza, approvato alla Camera e ora in attesa del passaggio in Senato, prevede infatti il divieto delle clausole di parity rate. In pratica, saranno nulle le clausole che obbligano gli albergatori a non praticare alla clientela finale prezzi e condizioni migliori rispetto a quelli praticati dalla stessa impresa tramite intermediari terzi, anche online (come ad esempio Booking.com).

A prevederlo è il cosiddetto emendamento ‘Booking’ di Tiziano Arlotti (Pd) approvato quasi all’unanimità dall’Aula della Camera. Una scelta che il ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini ha giudicato coraggiosa e che porta l’Italia sullo stesso sentiero della Francia, dove con la cosiddetta legge Macron approvata dall’Assemblea Nazionale lo scorso 10 luglio, è stato introdotto nel Codice del turismo un apposito articolo di disciplina dei rapporti tra piattaforme di prenotazione e albergatori e ha stabilito che questi ultimi mantengono in ogni caso il diritto di determinare liberamente le condizioni di offerta dei propri servizi nei confronti del consumatore finale.

travel-appeal-140903134214_medium

MIrko Lalli, founder di Travel Appeal

 

Mirko Lalli  (Travel Appeal) «una buona notizia le startup»

«E’ una buona notizia per il mondo del turismo perché finalmente si rende trasparente una situazione già abbastanza consolidata». A dirlo è Mirko Lalli di Travel Appeal che a spiegato a Startupitalia! come in realtà il meccanismo della parity rate venisse già molto spesso aggirato con tutta una serie di trucchi, «ad esempio l’albergatore non offriva un prezzo più basso ma regalava la colazione, in questo modo non c’era un vero e proprio sconto ma dei servizi maggiori. Ma se Booking se ne accorgeva penalizza l’albergatore in termini di reputazione e magari non appariva più nella prima pagina dei risultati». Dal momento in cui questa norma dovesse entrare in vigore, «molti albergatori potranno iniziare a giocare una partita più trasparente, mettendo ad esempio dei prezzi più favorevoli sui loro siti», ha aggiunto Lalli assolutamente favorevole a qualsiasi misura aumenti la concorrenza e liberi l’impresa da vincoli che possono essere limitativi del mercato come appunto fa la parity rate .

Per Booking.com niente conseguenze importanti

Lato Booking, la situazione «cambierà pochissimo, è troppo grande e radicato. Gli albergatori invece si dovranno  attrezzare per gestire questa novità. Ora lo scenario competitivo diventa molto più interessante anche per il consumatore finale» – continua il fondatore di Travel Appeal secondo il quale la rivoluzione più profonda che Booking.com sta portando avanti «non è quella di gestire tanti soldi in pubblicità e di offrire uno strumento semplice, ma piuttosto il fatto che stia progressivamente sostituendo Google fra i motori di ricerca nella testa del viaggiatore. Sta diventando a tutti gli effetti il motore di ricerca per hotel. Tanto che se un albergatore decidesse di non apparire su Booking.com, alcune categorie di viaggiatori potrebbero benissimo non arrivare mai a sapere della sua esistenza».

Ma le buone notizie ci sono anche per le startup, per le quali si possono aprire nuovi scenari competitivi. «Grazie alla leva del prezzo – ancora importantissima per la maggior parte delle persone che acquistano online  – possono infatti cominciare a competere con i grandi soprattutto sulle nicchie di mercato, ma non solo», conclude Lalli.

Naccarato Vena

A destra Giuseppe Naccarato, founder di Viaggiart

 

Giuseppe Naccarato (Viaggiart) «faremo gli imprenditori»

Le startup che coinvolgono le strutture ricettive «sanno benissimo che di fatto oggi tutti sceglierebbero per la prenotazione Booking.com perché mostra il prezzo più basso, è affidabile e tutta una serie di cose», dice Giuseppe Naccarato di Viaggiart, sottolineando però che ora questa norma apre un piccolo spiraglio «per far dialogare noi startup con gli albergatori e quindi per fare gli imprenditori». Anche secondo lui Booking.com non risentirà, soprattutto nel breve periodo, di questa novità ma al massimo cambierà qualcosa nel medio-lungo periodo.

«Per noi piccoli invece si apre uno spiraglio, che non significa assolutamente sostituirci a Booking  ma poter dialogare con le strutture per fare attività congiunte dove però questa volta il prezzo potrà diventare un fattore determinante per la scelta del consumatore». La norma quindi per Naccarato apre nuove opportunità alle startup e alle idee innovative, «ma mette anche una pulce nell’orecchio dei grandi che finora non hanno avuto praticamente concorrenti (e nemmeno ne avranno nel breve periodo)».

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.