Sconti fiscali alle startup: il Governo abbassa l’aliquota dal 10 al 5 percento

Le nuove misure saranno contenute in un disegno di legge collegato alla Stabilità, l’obbiettivo è favorire la crescita delle startup innovative

Il primo ministro Renzi lo ha chiamato «il Jobs act per il lavoratori autonomi». Un popolo eterogeneo, variopinto, fatto da freelance, partite Iva e ragazzi che lanciano una startup. Nella conferenza stampa di presentazione della manovra il Jobs act degli autonomi è un pacchetto di misure che dovranno agevolare chi decide di diventare un autonomo. Mettersi in proprio. Lanciare un’iniziativa imprenditoriale innovativa. Chiedono da anni al Governo stessi diritti dei lavoratori dipendenti. Sono gli stessi che sui social hanno attaccato Renzi quando furono esclusi dal bonus degli 80 euro. Oggi un po’ cambiano atteggiamento: «L’annuncio di Renzi è un buon inizio, adesso attendiamo di vedere i contenuti», dice Giorgio Berloffa, presidente di Cna professioni.

Le nuove misure saranno contenute in un disegno di legge collegato alla Stabilità, che dovrebbe essere approvato all’inizio del prossimo anno. Le misure che riguardano startup e autonomi sono

  1. Meno rigido il regime forfettario con l’imposta al 15% per le partite Iva. Le soglie di ricavi vengono, infatti, aumentate tutte di 10mila euro. La preclusione all’ingresso nel forfettario scatterà se chi svolge un’attività da dipendente (o assimilata) ha percepito lo scorso anno più di 30mila euro (ma se il rapporto di lavoro è cessato il vincolo non sussiste più)
  2. Diventa più conveniente il regime agevolato per chi apre una nuova attività: l’aliquota ridotta dell’imposta (che sostituisce Irpef e addizionali, Iva e Irap) sarà del 5% e potrà essere mantenuta per cinque anni
  3. Le startup potranno sfruttare un prelievo ancora più ridotto che passa al 5% rispetto al precedente 10. Congelata l’aliquota contributiva per i freelance e gli autonomi iscritti alla gestione separata Inps: per il 2016 sarà il 27% (a cui va aggiunto lo 0,72% di quota maternità)

Le 1000 donne che stanno cambiando l’Italia: Unstoppable Women

Da qualche anno stiliamo una lista delle donne da seguire nell’innovazione in Italia: fondatrici, manager, attiviste, ricercatrici che si distinguono per quello che fanno e che potrebbero essere d’esempio per averne molte di più e ogni volta ci meravigliamo della loro numerosità. A questo punto ci aiutate a scovarne 1.000?

Addio biglietti da visita, basta una stretta di mano per scambiarsi i contatti

Basta una stretta di mano per scambiarsi i nuovi contatti e averli direttamente memorizzati in rubrica. Stiamo parlando di Airbusinesscard, il braccialetto smart che manda in pensione i biglietti da visita cartacei

Impossibile Foods: in arrivo il pesce senza pesce

E’ l’ultima novità di Impossibile Foods, l’azienda della Silicon Valley fondata dal biologo molecolare Pat Brown: pesce che ha il sapore di pesce ma pesce non è. Obiettivo, proporre entro il 2035 un’intera gamma di sostituti vegetali per ogni tipo di prodotto a base animale

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.