Alertino, un’app sostituisce il gesto dell’ombrello in auto con un ping

L’app permette di inviare ad un altro automobilista un alert per avvisarlo di un’eventuale situazione critica come un’auto in doppia fila, con un finestrino aperto o le luci accese

(Comunicato Stampa) – Un divieto di sosta temporaneo segnalato all’ultimo, un mezzo che viaggia con una lampadina bruciata, un’auto in doppia fila, un guidatore disattento che parcheggia lasciando un finestrino aperto o le luci accese. Sono solo alcune delle situazioni in cui occorrerebbe rintracciare in modo veloce e diretto il proprietario di un’auto. Attualmente però la comunicazione tra automobilisti è ancora affidata a gesti, colpi di clacson o biglietti lasciati sul parabrezza: modalità poco efficaci che possono anche risultare fastidiose.

In aiuto degli utenti al volante arriva Alertino, una nuova app disponibile sia per Android che per iOS, pensata per rivoluzionare il modo di comunicare tra automobilisti. Grazie all’ampia diffusione degli smartphone, ogni guidatore ha con sé uno strumento collegato ad Internet in grado di ricevere messaggi istantanei. Partendo da questa constatazione, gli ideatori di Alertino hanno deciso di fornire al popolo delle quattro ruote uno strumento veloce ed efficace per inviare un messaggio ad un altro conducente.

alertino

Oltre a migliorare la comunicazione tra automobilisti, Alertino porterà benefici sia in termini di sicurezza stradale che in funzione di vigilanza” hanno sottolineato gli ideatori dell’app. “Piccole disattenzioni possono avere gravi conseguenze. Con Alertino gli automobilisti hanno uno strumento efficace per avvisare un altro utente evitando così che malintenzionati approfittino della situazione”.

Alertino funziona in modo semplice e può essere usato con la creazione di un nickname personale. L’aggiunta del numero di targa della propria auto, tuttavia, rende possibile il completo utilizzo dell’app. In questo modo ogni utente potrà iniziare a ricevere i messaggi sfruttando tutti i vantaggi di questa innovazione.

Anche per quanto riguarda l’invio, la procedura è molto intuitiva. Una volta lanciata l’applicazione, si apre una schermata dove bisogna inserire il numero di targa del veicolo interessato e selezionare l’alert adeguato. Dal “Potresti spostare l’auto in doppia fila?” al “Hai lasciato il finestrino abbassato!” passando per lo “Sportellino benzina aperto”, sono molte le opzioni offerte dall’applicazione compresa la possibilità di segnalare una “zona a rischio multe” o chiedere il prezzo di un’auto in vendita.

Sempre in tema di verbali, esiste l’avviso “Causa lavori devi spostare l’auto”. L’allestimento di un cantiere o un trasloco può prevedere l’istituzione di un divieto di sosta temporaneo. Capita, a volte, che gli avvisi siano messi solo all’ultimo con il rischio di multe salate e rimozioni forzate a danno di automobilisti inconsapevoli. Lo stesso discorso può valere per segnalazioni stradali un po’ ambigue che disorientano l’automobilista in cerca di parcheggio. Alertino offre un modo semplice per evitare spiacevoli sanzioni sollevando gli utenti al volante dal timore di aver lasciato l’auto in divieto di sosta.

La scelta dell’alert adeguato è quindi il passaggio chiave del processo di invio. Una volta trovata l’opzione giusta, basterà comporre il messaggio e spedirlo, con la possibilità di condividerlo anche via social. A quel punto, il possessore del veicolo riceverà tramite Alertino una notifica di avviso. “Hai dimenticato i fari accesi. Ti conviene spegnerli altrimenti scarichi la batteria”. Questo, ad esempio, è il messaggio che potrebbe arrivare tramite l’app nel caso dimenticassimo di spegnere le luci dell’auto.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.