BoxTomorrow: dopo la morte, la vita digital continua in un Box

La scatola virtuale, nata dai programmatori di defcontwelve, permette di inserire password e pin di ogni genere da lasciare a due o più beneficiari

(Comunicato Stampa) – Dove finiranno i nostri dati digital quando noi non ci saremo più? E le password? E l’archivio del pc o dello smartphone, con le foto e i messaggi a cui teniamo? E le informazioni preziose per accedere al conto bancario online?

Dal 2 novembre è nata BoxTomorrow, una scatola virtuale creata dai programmatori di defcontwelve, dove inserire password e pin di ogni genere da lasciare a due o più beneficiari: da quello per accendere lo smartphone all’account di posta elettronica, dagli accessi a facebook e ai social network, alle cartelle con le foto, dai codici bancari fino a quelli per aprire il cancello elettrico del condominio. All’interno della scatola si potranno inserire anche testi, immagini, video e file audio per lasciare un “ultimo saluto” alle persone che amiamo.

BoxTomorrow
Chi crea la scatola o le scatole, deve solo decidere una cosa: i beneficiari. A chi lascio le foto? A chi l’archivio dello smartphone? A chi i documenti del lavoro? A chi voglio dare le password dei miei social così che li gestisca o li chiuda?
Pochi clic e la scatola è pronta e si chiude. Automaticamente parte una mail di avviso ai beneficiari con i codici di accesso e la spiegazione di come potranno fare, dopo, per riaprirla.

Box è uno strumento che tutela anche la privacy e con il quale i beneficiari, le persone indicate, potranno gestire l’eredità digital nel modo migliore. La confidenzialità è garantita a livello crittografico infatti, grazie ad un sofisticato meccanismo criptato, la scatola potrà essere apeta solo dalle persone indicate (più di una per ogni box) inserendo quasi simultaneamente i loro diversi codici di accesso. E così Box si schiuderà, solo per loro. Nessun altro potrà accedervi.

Box è legale nel senso che è uno strumento general purpose e non infrange norme, regolamenti o leggi. I beneficiari indicati in Box possono solo leggere e non modificare i contenuti delle scatole che ricevono.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.