Health Italia si compra il il 49% di una startup pugliese per 150mila euro

Health Italia, L’azienda leader in Italia nella sanità integrativa, ha scelto i servizi digitali di Scegliere Salute, startup di due ragazzi pugliesi

Nuovi scenari nel mondo dell’e-health e nell’assetto societario di Health Italia, tra le più grandi realtà indipendenti del mercato italiano che operano primariamente nella Sanità Integrativa. Con l’obiettivo di incrementare i servizi offerti ai propri assistiti ed innalzare il livello di qualità delle strutture convenzionate, Health Italia definisce una partnership con la start-up ScegliereSalute, dotata di un portale web e di una social app dedicati a medici e pazienti nella ricerca e condivisione dei principali servizi e profili sanitari sul territorio nazionale, delle migliori esperienze di cura, e fondate sulla trasparenza nelle valutazioni delle prestazioni.

L’accordo sottoscritto dal Presidente della capogruppo di Health Italia, Roberto Anzanello, e dai fondatori della start-up pugliese con sede a Gravina in Puglia, Giuseppe Lorusso e Angelo Marvulli, prevede l’acquisizione, da parte di Health Italia, del capitale di ScegliereSalute, per una quota pari al 49% del totale, corrispondenti a 150.000 euro.

Il Gruppo Health Italia opera con successo nell’ambito della Sanità Integrativa, con un fatturato di 12 milioni di euro, ed una rete di oltre 1800 professionisti impegnati a garantire, agli oltre 350.000 assistiti, il miglior accesso ad un’assistenza sanitaria che colmi ed integri quella offerta dal Sistema Sanitario Nazionale.

ScegliereSalute

ScegliereSalute è nata invece all’inizio del 2015 grazie a un progetto promosso e cofinanziato da un bando del Ministero per lo Sviluppo Economico in favore delle start-up innovative. Da subito ha suscitato in rete grande interesse degli utenti, raggiungendo in poco tempo oltre 500 accessi quotidiani al sito, 25 mila utenti al mese, 3.000 registrati, e oltre 2000 download dell’app disponibile gratuitamente su Apple Store e Google Play.

Alla base del progetto dei due fondatori trentenni, c’è l’idea della condivisione delle recensioni degli utenti sulle strutture ospedaliere nazionali, pubbliche e private, selezionate su più livelli territoriali e sui differenti reparti, ma anche la possibilità di accedere ad una ricca banca dati costituita da oltre 150 mila tra medici, professionisti sanitari, strutture sanitarie e centri diagnostici.

«L’obiettivo è quello di offrire ai pazienti uno strumento di scelta consapevole e di confronto equo e partecipato, per aiutare le strutture a migliorarsi, favorendo la comunicazione tra utenti, ospedali e personale sanitario – spiega Giuseppe Lorusso, cofondatore di ScegliereSalute – facendo inoltre conoscere la migliore offerta di servizi sanitari sul territorio nazionale e consultare facilmente i profili di medici e professionisti sanitari».

Sull’esigenza di contribuire a diffondere le buone pratiche sanitarie e colmare il gap informativo esistente sulle prestazioni erogate e lo stato delle strutture ospedaliere, si è trovato d’accordo anche il Presidente Roberto Anzanello: «In questi tempi turbolenti, a causa del divario esistente tra i legittimi bisogni dei pazienti e le sempre più scarse risorse disponibili, è necessario cogliere la sfida aperta dalla rete, ascoltare la voce dei pazienti e dialogare con loro anche attraverso il web, per accrescere il valore della professionalità del personale sanitario e garantire il buon funzionamento delle istituzioni».

L’affidabilità e la trasparenza del portale ScegliereSalute costituiranno un prezioso strumento di monitoraggio degli standard di qualità delle prestazioni erogate anche a favore degli assistiti del Gruppo Health Italia, da sempre attento a portare la salute e la prevenzione nelle case degli italiani.

Revolut raccoglie 500 milioni di dollari

La piattaforma finanziaria vale ora 5,5 miliardi e punta a rafforzare lo sviluppo nei mercati esistenti, aumentare i dipendenti e apportare nuovi servizi

Piantine in serra nei supermercati: la piccola rivoluzione di Cefla

Senza usare fertilizzanti e pesticidi gli ortaggi durano più a lungo nel punto vendita e a casa. Un sistema a km 0 che abbassa le emissioni di CO2. Così, con la coltivazione dei microgreen, l’azienda di Imola raggiunge grande distribuzione e ristoranti.

Se l’open-innovation va a nozze con il Terzo Settore. Il modello della nuova impresa sociale

Già oggi esistono 15.000 imprese sociali, ma secondo l’Istat ma il numero potrebbe essere molto più alto nel prossimo futuro. Il risultato di questa grande trasformazione interna è che oggi dei 70 miliardi di euro generati in ambito nonprofit 50 sono “market oriented”. Non male per un settore solitamente rappresentato come dipendente da enti pubblici e da contributi una tantum