Prodibi vince la Fashion Pitch Competition

Fashion Technology Accelerator ha aperto una nuova selezione di startup da inserire nel programma di accelerazione per il 2016. Application entro il 15 dicembre

(Comunicato Stampa) – Prodibi, startup svizzera che ha sviluppato una tecnologia di ultima generazione che consente di elevare gli standard qualitativi delle immagini utilizzate dai brand nei propri siti, ha vinto il primo premio del Fashion Pitch, competizione internazionale presentata sul palco di Decoded Fashion, il Summit internazionale dedicato alla rivoluzione digitale nelle industrie del Fashion.

Prodibi, oltre a ricevere da Fashion Technology Accelerator (FTA) un premio in denaro, parteciperà ad un programma di accelerazione personalizzato, denominato “Fast Growth”, offerto sempre da FTA.

Negli ultimi anni il settore del Fashion sta subendo un grande processo di trasformazione digitale che andrà a modificare radicalmente i meccanismi produttivi, comunicativi e distributivi delle aziende del settore. Il Programma di Accelerazione di FTA si concentra proprio sulla crescita di valore delle startup che si inseriscono in questo trend.

Prodibi

«L’evoluzione dei comportamenti dei consumatori, sempre più esigenti, impazienti e connessi durante l’esperienza di acquisto e di utilizzo dei prodotti e servizi, richiede agli operatori del mondo della moda una capacità di adattamento molto rapida. La tecnologia digitale è l’asset che può permettere a brand e retailer di rispondere in modo efficace a queste esigenze», ha dichiarato Giusy Cannone, entrata recentemente nel team di FTA come Managing Director. «Fashion Technology Accelerator vuole accelerare l’adozione da parte del mercato di soluzioni tecnologiche che rispondono a questi trend, facendo leva sulle competenze integrate sul mondo della moda e della tecnologia presenti all’interno del proprio network».

FTA, che ha attualmente in portafoglio 6 aziende, ha aperto una nuova selezione di startup da inserire nel programma di accelerazione per il 2016. Le application resteranno aperte fino al 15 dicembre. La selezione rientra in un ampio progetto di sviluppo che mira ad espandere il portafoglio e a valorizzarlo, facendo leva sui caratteri distintivi di un acceleratore specializzato nel Fashion e localizzato in Italia. FTA, oltre all’ingresso del nuovo Managing Director, ha visto l’apertura dei nuovi uffici in zona Tortona. Inoltre, la società ha in corso un aumento di capitale aperto ad investitori privati che vogliono investire sulle opportunità derivanti dalla digitalizzazione del mondo del Fashion.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.