Torna il bando Incense, 140mila euro a 42 startup. Qui come partecipare

A gennaio 2016 verranno selezionate ulteriori 28 startup che riceveranno finanziamenti e servizi dedicati di incubazione

INCENSe (INternet Cleantech ENablers Spark) è un progetto finanziato dalla Commissione Europea ed ha l’obiettivo di creare un incubatore per startup europee ed israeliane operanti nel settore del cleantech. Tale iniziativa favorisce l’innovazione e contribuisce alla crescita dell’occupazione e dell’imprenditorialità in Europa.

Enel coordina il progetto ed ha come partner: Endesa – detenuta dal Gruppo Enel, Accelerace – il maggior acceleratore del nord Europa e FundingBox – società che ha sviluppato una piattaforma di incontro tra startup e investitori.

Incense, che ha in dotazione un budget di 8 milioni di euro, selezionerà attraverso il lancio di 2 call 42 startup. Ciascuna di queste riceverà un finanziamento a fondo perduto pari a 150.000 euro ed un programma di accelerazione della durata di sei mesi che prevede sessioni di coaching e mentoring, la possibilità di testare le proprie soluzioni presso i laboratori messi a disposizione dai partner e workshop dedicati.
Le startup potranno quindi beneficiare dell’esperienza dei partner del consorzio e del loro ecosistema in cui troveranno competenze di business e tecnologiche, una supply chain evoluta, laboratori di ricerca all’avanguardia, ricercatori ed un’ampia customer base.

Incense

La prima call di Incense ha ricevuto 230 applications da 30 paesi europei ed Israele. Circa il 50% delle proposte è arrivato da Italia e Spagna e l’85% inviato da PMI mentre il 15% da imprenditori singoli. Le prime 14 startup selezionate hanno iniziato a giugno 2015 il loro percorso di accelerazione.

A gennaio 2016 verranno selezionate ulteriori 28 startup che riceveranno finanziamenti e servizi dedicati di incubazione.

Le aree di interesse di INCENSe sono: efficienza energetica ed automazione, energie rinnovabili, soluzione di previsione per rinnovabili, smart grids, energy storage, sistemi di diagnostica , e-mobility, cyber security e digitalizzazione dell’energia tramite sistemi ICT.

Il 19 gennaio si terrà a Roma l’Awarding Day. L’evento sarà l’occasione per presentare le startup selezionate nella seconda call Incense e che prenderanno parte al programma di accelerazione. La premiazione sarà preceduta dallo speech di Alysee de Tonnac, fondatrice di Seedstars World, community che sostiene le migliori startup nate nei paesi emergenti.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.