Da Como a Londra: Directa Plus sbarca all’AIM e raccoglie 16,8 milioni

L’azienda nata a ComoNext mette sbarca sul listino londinese e vende 17mila azioni al debutto. Directa Plus ad oggi ha il più grande stabilimento di grafene in Europa

Directa Plus, azienda italiana tra i più grandi produttori e fornitori di materiali a base grafene al mondo, si è quotata venerdì 27 maggio sull’AIM di Londra. «Arrivare alla Borsa di Londra è stato per noi un importante traguardo» ha commentato Giulio Cesareo, fondatore e Ceo di Directa Plus, sottolineando che «questa è al contempo solo una tappa del nostro percorso di crescita».

Grafene-Miracolo-a-Lomazzo_h_partb

Il più grande stabilimento europeo di produzione grafene

Directa Plus è nata nel 2005 al Parco Scientifico Tecnologico ComoNext di Lomazzo, è specializzata in nanomateriali a base di grafene ed ha al suo attivo 36 brevetti. L’azienda tecnologica è uno dei maggiori produttori e fornitori di prodotti a base grafene identificati dal brand G+ e destinati ai mercati internazionali consumer e industriali. L’azienda ha inaugurato a giugno del 2014 le Officine del Grafene, uno dei più grandi impianti europei per la produzione di fogli di grafene altamente puro progettato seguendo una logica modulare replicabile ed esportabile.

Cos’è il grafene e perché è il materiale del futuro

 

«Un grazie particolare va a chi ha creduto in noi, agli investitori storici per il supporto dato in questi anni e ai nuovi investitori che stanno scommettendo insieme a noi sul grande potenziale dei nostri materiali» ha detto ancora il numero uno di Directa Plus. «Directa Plus ha potuto beneficiare di un importante contributo sia da parte degli investitori britannici che da quelli del resto d’Europa» ha rimarcato Sir Peter Middleton, chairman del board di Directa Plus, che è stato Group Chairman di Barclays Bank e Permanent Secretary presso il Ministero delle Finanze britannico”.

I numeri di Directa Plus: 16,8M raccolti per 17mila azioni

Directa Plus ha raccolto circa 12,8 milioni di sterline, pari a circa 16,8 milioni di euro, vendendo 17.033.334 azioni al prezzo di 75 pence, poco meno di un euro. Il valore di mercato azionario di Directa Plus all’attuale prezzo di collocamento è di circa 33,2 milioni di sterline, pari a 43,5 milioni di euro. Il totale delle azioni ordinarie emesse è 44.212.827. L’azienda di Lomazzo commercia sull’AIM di Londra con il ticker DCTA.L.

L’Italia al penultimo posto in Europa per occupazione femminile. Il cambiamento passa dalle Role Model

Favorire il ruolo delle donne nei settori più tecnologici di mercato e rendere il mondo del lavoro a misura di conciliazione casa/lavoro sono sfide che si possono vincere. Le iniziative di Federmanager e l’esempio di ALD Automotive

DressYouCan: noleggiare abiti è cool e fa bene al pianeta

Il fashion renting nasce negli USA e conquista anche Regno Unito e Cina e arriva in Italia, paese d’alta moda. Un business che nel 2023 si stima raggiungerà 2 miliardi di dollari. A Milano c’è DressYouCan, con showroom e consulenti

Laurea in Intelligenza Artificiale e Master in Cyber Security. Come cambia l’Università

Il Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione (DII) dell’Università di Pisa è un Centro di eccellenza per la ricerca e l’istruzione superiore nel campo dell’Information and CommunicationTechnology (ICT), Robotica e Bioingegneria. L’intervista al professor Giuseppe Anastasi

I robot modulari del MIT non hanno limiti

Piccoli robot in grado di assemblarsi per costruire robot più grandi. Un modo innovativo per progettare robot sempre più complessi, rendendo più economica la robotizzazione della nostra civiltà

Gelato: attesi ritorni, gusti strani e un pizzico di tech

Dal gusto ramen a quello medusa, passando per il ritorno del ghiacciolo Arcobaleno e le gelaterie cashless. Tutte le novità e le chicche che possiamo trovare in coni e coppette, in Italia e all’estero

Social Academy, la prima piattaforma in lingua italiana di educational marketing è su CrowdFundMe

Finisce domani la campagna di crowdfunding. Social Academy, che ha ricevuto due anni fa un investimento di oltre 500mila euro, conta una community di 70.000 iscritti, 500 school e trainer, ha venduto oltre mille corsi e fatturato oltre 400mila euro.